rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Il punto

I porti europei soffocati dalle auto elettriche cinesi: non si vendono e non sappiamo dove metterle

Gli autoveicoli importati dalla Cina si stanno accumulando nei porti europei che stanno diventando veri e propri parcheggi. Il mercato non è pronto e mancano anche i camionisti

Per effetto del rallentamento delle vendite di modelli di auto elettriche in Europa alcuni dei porti più trafficati dalle navi per il trasporto delle auto dalla Cina, tra cui Zeebrugge in Belgio e Bremerhaven in Germania, stanno letteralmente 'soffocando' sotto l'ondata di veicoli da parcheggiare nelle aree di stoccaggio.

C'è un problema con le ricariche delle auto elettriche 

Le case automobilistiche cinesi non stanno vendendo i loro veicoli in Europa così velocemente come si aspettavano. Una situazione è aggravata dal fatto che diverse case produttrici cinesi prenotano i viaggi di consegna senza gestire la successiva fase di distribuzione sul territorio. Alcuni addetti ai lavori del settore sospettano che questi produttori stiano utilizzando i porti europei come 'magazzini' per i prodotti che hanno difficoltà a vendere nel mercato interno cinese a sua volta in rallentamento.

I portali specializzati riportano come alcune auto languiscano nei porti fino a 18 mesi: "L'afflusso di marchi cinesi di veicoli elettrici in Europa ha portato molti a parlare della fine della produzione automobilistica europea come di una conclusione scontata" spiega David Kelly, chief corporate officer della società di analisi Cubic Telecom. "Ma i problemi che devono affrontare le fabbriche cinesi per mettere le auto s nelle mani degli automobilisti evidenziano la carta vincente delle Case europee, cioè canali di distribuzione consolidati, reti di vendita e conoscenze locali accumulate nel corso di molti anni".

Il problema della distribuzione 

L'ascesa dei veicoli cinesi è in larga parte caratterizzata dal software. Tuttavia rappresenta una sfida non da poco poiché il mercato europeo con 50 paesi, lingue e normative diverse, richiede know-how locale e accordi con gli operatori di rete mobile: uno scenario molto più complicato rispetto a quello degli Stati Uniti o della Cina.

Con l'auto cinese avremo il fornelletto accanto al volante e un drone come copilota

Se gran parte dell’attrattiva dei veicoli elettrici cinesi è dovuta all'esperienza utente connessa e basata sul software i marchi europei potrebbero colmare rapidamente questo divario e trovarsi poi a poter contare sulla propria rete distributiva. 

Non si vendono abbastanza auto elettriche, Tesla licenzia 14mila lavoratori

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I porti europei soffocati dalle auto elettriche cinesi: non si vendono e non sappiamo dove metterle

Today è in caricamento