rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
I limiti delle elettriche

Siamo sicuri di essere davvero pronti per l'auto elettrica?

In California a causa del grande caldo e della maggiore richiesta energetica è stato chiesto ai possessori di vetture elettriche di non ricaricare nelle ore di punta poiché si rischiano blackout e razionamenti

Sempre più stati al mondo stanno concentrando i propri sforzi sul graduale passaggio dai combustibili fossili all'energia pulita nel tentativo di ridurre le emissioni di gas serra e combattere l'inquinamento atmosferico e il surriscaldamento globale. 

L'Unione europea nei mesi scorsi ha imposto lo stop alla produzione di auto a benzina e diesel dal 2035, un provvedimento al quale si è unita anche la California, che ha recentemente approvato un disegno di legge del tutto simile a quello dell'Ue. Ad ogni modo, proprio dal "Golden State", arriva una notizia che ci porta a chiederci se siamo davvero pronti per l'avvento di massa delle auto elettriche.

Stop alle auto a benzina: dal 2035 vendite vietate in California

Già, perché nei giorni scorsi il California Indipendent System Operator, compagnia che gestisce la rete elettrica statale, ha chiesto ai proprietari di veicoli elettrici di limitare la finestra temporale in cui ricaricano la propria vettura. L'appello è stato esteso tramite un Flex Alert, ossia un invito rivolto ai consumatori a conservare volontariamente l'elettricità in caso di carenza energetica, soprattutto se il gestore della rete deve utilizzare le riserve per mantenere l'integrità della stessa. Grazie ai Flex Alert si possono prevenire misure di emergenza più gravi, comprese interruzioni di corrente a rotazione. La richiesta fatta ai californiani è dovuta alle alte temperature che in questi giorni stanno investendo gli Stati Uniti, in particolare nelle zone più calde. Stretti nella morsa del calore, gli americani fanno un massiccio ricorso all'aria condizionata e la domanda di energia si fa sempre più alta.

Non è la prima volta che il caldo estremo colpisce i guidatori di veicoli elettrici. Il mese scorso in Cina, un'ondata di caldo ha creato scompiglio tra gli automobilisti: secondo quanto riportato dal MIT Technology Review, il paese è leader nell'adozione di veicoli elettrici, ma le condizioni meteorologiche estreme stanno mettendo in evidenza i punti deboli della sua infrastruttura di ricarica. Durante un'ondata di caldo che ha colpito il Texas a giugno, Tesla ha chiesto ai suoi clienti di evitare di caricare le auto nelle ore di punta.

Gli alert della California sono stati ridicolizzati dai media più conservatori, dai repubblicani e dai difensori delle industrie del gas e del carbone, i quali si oppongono fermamente agli sforzi per ridurre l'impronta carbonica responsabile del cambiamento climatico a livello globale, anche perché nessun auto con motore endortermico ha mai avuto problemi di rifornimento dovuti al caldo. "Questa richiesta viene dallo stesso stato che costringerà tutti ad acquistare auto elettriche entro il 2035", ha dichiarato su Twitter il deputato della Louisiana Steve Scalise, “questo succede con i democratici al potere, e pensare che vogliono obbligare a fare lo stesso tutta la nazione. Che idiozia!".

Il governo californiano si difende: "Non abbiamo detto di non ricaricare le auto" ha precisato Erin Mellon, portavoce del governatore Gavin Newsom "abbiamo solo chiesto di non caricarle dalle 16 alle 21". Ma a detta di Elaine Borseth, presidente dell'Electric Vehicle Association "quasi nessuno carica l'auto in quella fascia oraria perché costa di più".

La transizione verso le energie rinnovabili farà bene all'ambiente e abbasserà i costi dell'energia, ma è un processo che non è privo di intoppi come qualsiasi altra transizione verso una nuova e migliore tecnologia. I periodi di calore estremo, non soltanto negli Stati Uniti, stanno diventando sempre più frequenti, ancora più roventi e di più lunga durata, con le temperature che fanno registrare nuovi record un po' dappertutto. In una recente conferenza, il governatore Newsom ha spiegato che "le ondate di calore non sono mai state così impegnative da affrontare", rimarcando l'urgente bisogno di accelerare la transizione verso le energie rinnovabili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siamo sicuri di essere davvero pronti per l'auto elettrica?

Today è in caricamento