Martedì, 20 Aprile 2021

Citroën: il "Raduno del secolo" tra passato, presente e futuro del brand

A La Ferté-Vidame momento culminante delle celebrazioni per il centenario della marca francese. Presenti 4mila vetture, 11mila collezionisti e 50mila visitatori

Dal 19 al 21 luglio, a La Ferté-Vidame, si è svolto il “Raduno del Secolo” per festeggiare i cent’anni di Citroën. L'evento è stato organizzato dai collezionisti della marca, riuniti nell’associazione Amicale Citroën & DS France con la collaborazione di l’Aventure Peugeot Citroën DS.

La location dove si è svolto il “Raduno del Secolo” ha un significato particolare per Citroën: si tratta di un luogo simbolico perché dal 1938 è stato il centro delle prove della Marca, includendo una pista all’interno di un parco chiuso. É proprio su questa pista che si svolsero i primi test dei prototipi di un modello iconico come la 2 CV.

Allo storico evento, hanno partecipato oltre 4mila vetture della Marca del Double Chevron, 11mila collezionisti e circa 50mila visitatori. Dall’Italia sono arrivati oltre 150 equipaggi, alcuni dei quali radunati in una carovana partita dal civico 41 di via Gattamelata a Milano, dove nel lontano 1924 ebbe inizio l'avventura italiana di Citroën e dove ancora oggi ha sede la sua filiale italiana.

Citroën tra passato, presente e futuro

Citroën, attiva sostenitrice dell’evento, ha fornito un sostanzioso contributo al Raduno del Secolo con una esposizione eccezionale di 42 modelli. Modelli che oltre a quella della marca, hanno segnato la storia dell’auto e illustrano tutta l’identità di Citroën, Marca popolare nel senso nobile del termine, che da decenni conquista per lo stile audace e il comfort di riferimento, al servizio di una mobilità per tutti. Una marca dalla personalità unica che è tra le più collezionate al mondo e occupa un posto speciale nel cuore di molte famiglie. L’esposizione partiva dalle origini per evidenziare la storia della marca, la sua gamma attuale e la sua visione della mobilità del futuro, rappresentata dalle due concept car: Ami One Concept e 19_19concept.

Citroën 19_19 Concept è la visione della Marca dell’ultra comfort e della mobilità extra urbana. Reale manifesto Citroën decisamente fuori dagli schemi e dai tradizionali codici automobilistici, rappresenta una visione della mobilità volutamente non convenzionale, rivolta al futuro e senza limitazioni. Oggetto aerodinamico e tecnologico, dal design spettacolare, dalla forma di una capsula trasparente sospesa sulle ruote innovative di grandi dimensioni. Con le sue proporzioni totalmente inedite nel mondo dell’auto, ispirata al mondo dell’aeronautica e a quello dell’interior design, 19_19concept è immediatamente riconoscibile, per le forme affusolate ed essenziali, i dettagli tecnologici curati, i vari livelli di lettura.

19_19 Concept amplifica il concetto di comfort, con un abitacolo che è un vero salotto mobile, e rappresenta la massima espressione del programma Citroën Advanced Comfort®. L’abitacolo sembra sospeso grazie alle sospensioni con Smorzatori Idraulici Progressivi®, associate a un sistema di guida attivo intelligente, e propone un allestimento unico, che riprende i codici del mondo degli arredi di interni con sedute individuali, ognuna delle quali rappresenta una visione del comfort.

19_19 Concept è innovativo e futurista anche per la tecnologia di guida autonoma che offre al conducente la possibilità di delegare totalmente la guida al veicolo. Un Personal Assistant, con intelligenza artificiale, integrato nel cruscotto, prende il controllo del veicolo nelle fasi di guida autonoma e interagisce con i passeggeri. Con la sua alimentazione 100% elettrica, 19_19concept riduce l’impatto ambientale, amplifica il comfort a bordo con l’assenza di rumori e vibrazioni e, con la sua autonomia che può arrivare fino a 800 km, dimostra come l’elettrico sia compatibile anche con i lunghi viaggi.

Con le batterie da 100 kWh, la trazione a quattro ruote motrici, combina due motori elettrici (uno anteriore e uno posteriore) e sviluppa una coppia di 800 Nm, per una potenza totale di 340 kW e un’autonomia di movimento totale.

19_19 Concept, studiato per offrire una guida sempre serena e rilassata, si ricarica da fermo oppure direttamente durante la guida, compatibilmente con la presenza delle opportune infrastrutture stradali.

La seconda Concept Car presentata nell’anno del centenario e che è stata esposta al Raduno del Secolo è Ami One Concept, la visione di Citroën della mobilità urbana per tutti. Oggetto 100% elettrico, pone il digitale al centro di una nuova esperienza di mobilità urbana, più libera e senza pensieri. Fedele alla firma di Marca “Inspired By You”, è la risposta alle nuove esigenze dei clienti e alla sfida della transizione energetica in città. Questo concept rappresenta la visione della libertà in città “by Citroën” che offre libertà di utilizzo (si guida senza patente e consente un utilizzo personalizzato da 5 minuti a 5 anni), libertà di movimento (accesso al centro città con una soluzione di mobilità 100% elettrica, ultra compatta e agile, che permette a due persone di spostarsi liberamente, all’interno di un mezzo intuitivo e connesso) e infine libertà di mostrare la sua modernità, con un design deciso, audace e colorato, una progettazione simmetrica ingegnosa, per muoversi in città con stile e comfort.

Per quanto riguarda la gamma attuale, sono esposti alcuni modelli della serie speciale “Origins”, creata appositamente per celebrare il centenario: C1 Origins, C3 Origins, C4 Cactus Origins e il SUV C3 Aircross Origins. A questi modelli si aggiungeva Nuovo Berlingo, protagonista della Marca nel segmento dei multispazio, rinnovato nello stile, nelle tecnologie, nella modularità e nella facilità di utilizzo, affiancato dai veicoli commerciali di successo, Jumpy, Jumper e Nuovo Berlingo Van. A completare la gamma attuale, il modello di punta della Marca, il Nuovo SUV Citroën C5 Aircross, moderno e tecnologico che si distingue per design unico, modularità e comfort di riferimento.

In rappresentanza di 100 anni di storia, sono stati esposti, venti modelli iconici di serie, tra cui: la Type A 10 HP, prima vettura commercializzata da Citroën a partire dal 1919 e anche la prima vettura francese prodotta in grande serie; la C3 5 HP; la Rosalie Cabriolet; la C6 G; la Traction Avant, presentata nel 1934, una vera rivoluzione rispetto a quanto proposto dal mercato; il Type H, presentato nel 1947 e venduto a partire dall’anno successivo, il primo furgone a trazione anteriore prodotto su larga scala; la mitica 2CV; la Méhari, dalla carrozzeria interamente in materiale plastico, versatile e poliedrica, derivata dalla Dyane e dalla 2 CV; la DS21; la SM; le Ami6 e Ami8; la filante CX, presentata nel 1974 e caratterizzata da linee affusolate oltre che da una nuova progettazione degli spazi interni; e poi ancora modelli innovativi come GS e Xantia Activa, fino ad arrivare a C4 Cactus.   

Il motorsport è stato rappresentato da dieci tra le più significative vetture da competizione, simbolo di 100 anni di successi: Scarabée D’Or del 1922, Petite Rosalie des Records 1933, 2CV Tour du Monde del 1958, DS 21 del Rally del Marocco 1969, CX Rallye Sénégal 1977, ZX Rallye Raid 1992, Xsara WRC, C4 WRC, C-Elysée WTCC, C3 WRC 2019.

La rappresentanza italiana al Raduno del Secolo

Passato il traforo del Monte Bianco e raggiunto il territorio francese, la carovana italiana, composta da alcuni modelli iconici della Marca, ha percorso le strade Nazionali e Dipartimentali in direzione nord-est, per arrivare a Lione e poi, il giorno successivo, a Clermont Ferrand, per visitare l'Aventure Michelin, il museo dedicato a Bibendum, una storia che per quarant'anni, dal 1935 al 1975, ha legato Citroën a Michelin. In seguito, attraversata la verde Alvernia, la carovana è arrivata sino a Nevers per raggiungere infine le architetture gotiche di Chartes.

Venerdì 19 luglio, tutti i partecipanti iscritti ai Club Citroën italiani, sono arrivati al Raduno del Secolo a La Fertè Vidame, per unirsi alle celebrazioni del centenario insieme a tutte le altre vetture della Marca del Double Chevron di ogni epoca e tipo.

Della rappresentanza italiana hanno fatto parte le piccole 2CV, le Dyane, le vetture da famiglia come le medie GS o le compatte VISA, qualche aerodinamica CX, molte eleganti DS e SM, ma anche le recenti C6 e le sbarazzine C3 Pluriel, auto che da subito hanno conquistato il cuore degli appassionati per essere originali ed inconfondibilmente Citroën!

Ad esse si è aggiunta la 2CV Soleil, realizzata in unico esemplare da Citroën Italia nel 2015 su disegno di Serge Gévin, l’artista che ha disegnato moltissime serie speciali della 2CV, come la Spot o la Charleston. Seguiva la Dyane6 restaurata da Citroën Italia nel 2017, cinquantesimo anniversario dell'"Auto in Jeans", modello che tanto successo ebbe in Italia tra il 1967 ed il 1983. Infine la sportiva compatta VISA Chrono, esemplare della filiale italiana, restaurata nel 2016 nei colori originali che contraddistinguevano le 200 Chrono vendute in Italia.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Citroën: il "Raduno del secolo" tra passato, presente e futuro del brand

Today è in caricamento