Giornata Nazionale del Veicolo d’Epoca: le vetture di una volta ammaliano l'Italia

L'iniziativa promossa dall’Automotoclub Storico Italiano ha avuto un grande successo in tutto il Paese. A Vicenza presente il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati

Domenica 29 settembre è stata celebrata in tutta Italia la Giornata Nazionale del Veicolo d’Epoca, iniziativa promossa dall’Automotoclub Storico Italiano per accendere i riflettori su un mondo che esprime valori positivi, un mondo che è patrimonio culturale, turistico ed economico.

Una delle manifestazioni più importanti di questa Giornata Nazionale si è svolta a Vicenza, con l’Historic Day, dove è stato accolto il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati per la consegna del “Premio ASI per il Motorismo Storico”.

29092019-p9290727-2

Nel suo intervento pubblico in Piazza dei Signori, La Senatrice Casellati ha dimostrato grande interesse nei confronti del motorismo storico e notevole sensibilità verso l’operato di ASI, che reputa “Voce importante di un patrimonio storico, culturale, tecnologico e artistico italiano che non ha pari al mondo. Quella del motorismo - ha aggiunto la Casellati – è una storia che deve essere conosciuta, divulgata e tramandata soprattutto ai più giovani: perché è parte integrante della nostra cultura. Non mi stancherò mai di dirlo e di adoperarmi in tal senso: le istituzioni hanno il dovere di preservare questo settore, con misure che, anche a livello legislativo, diano chiari segnali di tutela e di valorizzazione sia nei confronti degli operatori, sia nei confronti degli appassionati.”

A queste parole sono seguite quelle di Alberto Scuro, Presidente dell’ASI: “Vogliamo mostrare a tutti qual è la passione che muove il nostro mondo e la nostra Federazione. I veicoli storici possono essere valorizzati solo avendo la possibilità di farli vivere sulle nostre strade e renderli godibili a tutti. Il motorismo storico è “industria sociale”, perché valorizza la storia del Paese (industriale, sociale, culturale) e perché crea un indotto economico che comprende le attività produttive (dal comparto professionale che opera nel settore, al turismo) e tantissime iniziative solidali. Dopo i monumenti, le bellezze paesaggistiche, l’enogastronomia, il calcio e la moda, il motorismo storico è ciò che più muove l’interesse di italiani e stranieri.”

La Giornata Nazionale del Veicolo Storico ha riscosso un enorme successo in tutta Italia, grazie al contributo e all’entusiasmo dei Club ASI che hanno organizzato raduni, esposizioni, mostre tematiche, convegni e tutto ciò che ha potuto raccontare la storia del motorismo, con l’obiettivo di far conoscere e comprendere quanta cultura e passione animano il settore. Migliaia di appassionati e collezionisti si sono mobilitati per l’occasione, mettendo a disposizione della cittadinanza i propri veicoli d’epoca in una sorta di immenso “museo diffuso”. Inoltre, la Commissione Storia e Musei dell’ASI ha realizzato l’evento contemporaneo ASI Musei Show che ha permesso agli appassionati di visitare oltre 100 importanti musei e collezioni su tutto il territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 19 maggio 2020

  • Si allontana la data del "contagio zero": le nuove stime, regione per regione

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Benzina e diesel, brutte notizie al distributore per gli automobilisti

  • Ezio Bosso, il messaggio di Alba Parietti: "Mi hai voluto proteggere dal dolore"

Torna su
Today è in caricamento