rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
i dati

Quanto è vecchio il parco auto circolante in Italia

Nel Belpaese circolano ancora milioni di vetture vetuste e inquinanti e si stima che il parco circolante sia tra i più anziani in Europa

È notizia di qualche ora fa l'esaurimento dei 170 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico come incentivi per l'acquisto di auto con motore endotermico. A disposizione degli italiani per il 2022, restano ora 187 milioni per le auto elettriche e oltre 202 milioni per le ibride plug-in.

Bonus Auto 2022: finiti incentivi per benzina e diesel

Il rapido esaurimento di parte dei fondi erogati dal Governo a metà maggio è la dimostrazione che gli italiani sono ancora molto attratti dai classici motori alimentati a benzina e diesel (nonostante i prezzi del carburante incredibilmente alti), mentre continuano a manifestare qualche resistenza nei confronti delle vetture elettriche o elettrificate, sempre per via di fattori come prezzo, autonomia e diffusione delle infrastrutture di ricarica.

Cresce il costo delle batterie, e il prezzo delle elettriche non scende

Parco auto Italia: la situazione a metà 2022

La relativa rapidità con cui è andato esaurito il contributo per l'acquisto di veicoli a basso impatto ambientale a benzina e diesel, dimostra come molti italiani non stessero aspettando altro che un'occasione del genere per sostituire la propria auto. D'altronde, il parco auto circolante italiano è fra i più vecchi e inquinanti dell'intera Europa. 

Nonostante il contributo fornito dalla diffusione di auto elettriche e soprattutto ibride, che solo nel 2021 ha visto crescere del 93% rispetto al 2020 il numero di questo tipo di veicoli,passando dalle 595.807 unità a 1.149.528 esemplari, i dati del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI - Automobile Club d'Italia, la maggioranza delle auto che circolano in Italia sono più che vetuste.

Si stima che delle circa 39.823.000 auto in circolazione, le auto ibride ed elettriche rappresentino soltanto il 2,9% (nel 2020 era dell’1,5%). Il dato delle auto elettriche si fermano addirittura allo 0,3%. 

A preoccupare sono soprattutto gli oltre 11.340.000 (28,5% del totale) di veicoli in circolazione con una classe di emissioni uguale o inferiore allo standard Euro 3 (di questi, circa 3.580.000, numero che equivale al 9%, sono addirittura sono Euro 0). Passando poi alla misurazione dell'età media del parco auto italiano, si stima che quasi 4 vetture su 10, dunque il 37%, abbiano 15 anni o più.

Parco auto italiano: le differenze a livello geografico

Sullo stato del parco auto italiano, incidono anche fattori geografici, legati a dinamiche socio-economiche. Non è un caso che la maggior parte delle elettriche e delle ibride siano più diffuse al Nord (spiccano l’8,7% della Valle d’Aosta e  l'8,1% del Trentino-Alto Adige) dove si registrano dati di molto superiori alla media nazionale. I numeri delle auto green al Sud, invece, lasciano ancora parecchio a desiderare: basta guardare le statistiche delle principali regioni del Mezzogiorno per rendersene conto. Ibride ed elettriche, in Campania si attestano attorno allo 0,9%, in Molise all'1,1% come in Sicilia e Calabria).

Le auto più inquinanti, dunque, sono localizzate nel versante meridionale del nostro Paese, lì dove il 47% delle vetture ha una classe Euro 3 o inferiore (dal 2014 lo standard europeo è Euro 6). La regione con la maggiore anzianità dei veicoli è la Calabria, (44%), in buona compagnia con Campania (42,3%) e  Sicilia (42,2%). Al contrario, ancora una volta, i numeri più bassi sono al Nord. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanto è vecchio il parco auto circolante in Italia

Today è in caricamento