rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
l'atteso modello economico

Cosa sappiamo della Tesla low cost da 25mila dollari

Le ultime indiscrezioni nell'universo Tesla suggeriscono che potrebbero esserci imminenti novità su Model 2, la Tesla economica che dovrebbe avere un costo di 25.000 dollari. Musk non conferma, né smentisce e c'è chi ipotizza il 2025 per il lancio

Elon Musk parla da anni del suo sogno di produrre un'auto elettrica a basso costo che sia alla portata di tutti. Le auto prodotte da Tesla attualmente in vendita, infatti, nonostante i forti sconti praticati nell'ultimo periodo, hanno ancora prezzi molto alti, cosa che impedisce loro di conquistare il mercato dei veicoli Ev in maniera definitiva. Secondo alcune indiscrezioni, tuttavia, qualche novità sul progetto di una Tesla economica potrebbe arrivare già questa settimana.

Ora Musk taglia il prezzo delle Tesla: maxi sconto anti crisi

Ma facciamo un passo indietro, a quando Musk nel 2022 affermò di aver momentaneamente accantonato il piano per la realizzazione di un'auto elettrica da 25.000 dollari, nota come Model 2, poiché Tesla era ancora indietro relativamente alla nuova tecnologia della batteria che, a detta del suo amministratore delegato, sarebbe un elemento cruciale per vendere auto elettriche a prezzi contenuti.

Raggiungere l'espansione nel mercato di massa è un passaggio fondamentale per arrivare all'obiettivo prefissato di Tesla, che è quello di aumentare le consegne di veicoli di 15 volte, fino a 20 milioni, entro il 2030. Anche per questo Tesla ha fortemente scontato i prezzi di listino dei propri modelli negli ultimi mesi, cercando di aumentare le vendite in un contesto di recessione e di crescente concorrenza, in particolare da parte dei marchi cinesi. Le sue azioni sono aumentate di circa il 60% da inizio anno, ma sono ancora alla metà del picco di novembre 2021.

Novità già durante il prossimo Investor Day?

Secondo le indiscrezioni riportate da Reuters, l'auto elettrica a basso prezzo dovrebbe essere il fulcro del "Master Plan Part Three" di Musk, che verrà illustrato mercoledì in occasione di un "Investor Day", insieme ai piani per l'espansione della fabbrica e la spesa in conto capitale.

Quando Musk dà delle tempistiche, ad ogni modo, gli hanno imparato a capire di dover essere molto cauti, dal momento che in passato alcune delle scadenze più importanti (come ad esempio quelle dei robotaxi) sono state mancate. Alcuni degli investitori che conoscono più da vicino il modo di operare del Ceo di Tesla, suggeriscono che, se tutto dovesse procedere senza intoppi, la nuova piattaforma automobilistica potrebbe vedere la luce al più presto nel 2025.

Amazon sfida Tesla nella corsa ai robotaxi

Al momento non ci sono molti indizi sulla Model 2. Si sa solo che il suo prezzo dovrebbe aggirarsi su 25.000 dolllari, come rivelò lo stesso Musk nel 2020. Qualcuno ha ipotizzato che lo stesso modello potesse essere quello utilizzato per il robotaxi senza volante o pedali, il cui lancio dovrebbe avvenire nel 2024, ma al momento non ci sono riscontri. In un video diffuso recentemente dagli ingegneri Tesla è stata mostrata una piccola vettura contraddistinta dalle tipiche linee Tesla, che da molti viene considerata il primo bozzetto di Tesla Model 2.

Batterie determinanti per abbassare il prezzo

Alcuni analisti ipotizzano che la Tesla più economica, con un'autonomia di guida più breve, potrebbe essere lanciata per il mercato cinese, ma che è ancora presto per aspettarsi un'auto conveniente con un'autonomia più ampia, che attirerebbe di certo l'interesse del mercato nordamericano. 

Il motivo è dovuto proprio alla lentezza nel processo produttivo delle proprie batterie. Musk nel 2020 prevedeva che la sua azienda nel 2022 sarebbe riuscita a produrre 100 gigawatt di batterie di nuova generazione a basso costo, sufficienti ad alimentare circa 1,3 milioni di Tesla Model Y, ma il tasso di produzione  delle batterie dette "4680" (per il numero di celle ndr) a dicembre scorso, era a malapena sufficiente a sopperire a poco più di 50.000 veicoli a anno, questo anche per via degli altissimi prezzi delle materie prime necessarie per realizzare le batterie.

Non a caso il nuovo Master Plan di Musk prevede che Tesla lavori tanto sull'utilizzo dell'energia solare e dello stoccaggio dell'energia della batteria, che a sua detta lui sono altri due pilastri per un futuro energetico sostenibile.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa sappiamo della Tesla low cost da 25mila dollari

Today è in caricamento