Lunedì, 18 Gennaio 2021

Volkswagen: debutta l’e-Crafter, il van a emissioni zero

L’anteprima mondiale dell’e-Crafter inaugura una nuova era dei veicoli commerciali: offre fino a 1,72 tonnellate di portata utile ed è straordinariamente idoneo all’impiego nelle aree urbane

Volkswagen Veicoli Commerciali presenta ad Hannover il nuovo e-Crafter - a trazione elettrica e a emissioni zero, concepito per offrire fino a 1,72 tonnellate di portata utile.

A partire da Settembre, l'e-Crafter - una versione a emissioni zero con una potenza di 136 CV (100 kW) - andrà ad ampliare la gamma Crafter. Il debutto della versione elettrica della variante furgone con tetto alto segna l'avvio di un'offensiva sul fronte della mobilità elettrica: d'ora in avanti Volkswagen Veicoli Commerciali arricchirà sempre più il suo portfolio di modelli con versioni parzialmente e completamente ad alimentazione elettrica.

Il nuovo e-Crafter è sinonimo di modernità: non producendo alcuna emissione, è idoneo a tutte le green-zones in ogni Paese del mondo. L'e-Crafter non è interessato, né lo sarà nel lungo periodo, dai divieti d'accesso in determinate aree urbane, come per esempio i quartieri centrali di Amburgo o Parigi. Tali divieti vigono per gli autoveicoli a seconda del tipo di motorizzazione e della classe di emissioni di sostanze nocive.

In questo contesto è importante ricordare che, ancor prima del suo lancio sul mercato, il nuovo e-Crafter ha ottenuto lo "European Transport Award for Sustainability 2018" nella categoria "Veicoli Commerciali e Furgoni per Consegne". E' stato sviluppato per tutte le aziende che operano in aree urbane: corrieri espressi, aziende di logistica chiamate a coprire "l'ultimo miglio", artigiani, commercianti al dettaglio, aziende di fornitura elettrica. Con un'autonomia massima di 173 chilometri (secondo il metodo NEDC) e una velocità massima di 90 km/h, l'e-Crafter soddisfa le reali esigenze dell'impiego quotidiano di un furgone all'interno di un'area urbana.

Un'analisi approfondita dei modelli e dei trend di mobilità hanno offerto una solida base per questa configurazione: ancor prima di iniziare lo sviluppo dell'e-Crafter, Volkswagen Veicoli Commerciali aveva analizzato più di 1.500 clienti e oltre 210.000 profili di guida. E' stato così rilevato che la maggior parte degli utilizzatori di furgoni percorre con il proprio veicolo tra 70 e 100 chilometri al giorno. Il nuovo e-Crafter è stato concepito proprio per queste distanze, che includono spesso numerosi arresti e ripartenze.

Conseguentemente, nella fase di sviluppo dell'e-Crafter, l'attenzione dei progettisti non si è concentrata sull'autonomia massima possibile, bensì sull'autonomia necessaria nell'utilizzo lavorativo quotidiano. Come tutti i Crafter, il telaio del nuovo modello verrà prodotto nello stabilimento di Wrzenia (Polonia). L'assemblaggio finale dei componenti elettrici verrà effettuato nello stabilimento principale di Volkswagen Veicoli Commerciali ad Hannover.

L'e-Crafter è stato sviluppato parallelamente ai modelli con motori Diesel Euro 6 (TDI). Ciò ha comportato vantaggi decisivi: l'e-Crafter non è stato sviluppato a posteriori mediante una trasformazione in retrofit, ma è stato concepito fin dall'inizio come furgone a emissioni zero sulla base della seconda generazione di Crafter. In questo modo, Volkswagen Veicoli Commerciali ha potuto sfruttare in modo ottimale l'architettura del veicolo per l'integrazione dei componenti della trazione elettrica. La batteria agli ioni di litio, per esempio, viene alloggiata nel sottoscocca dell'e-Crafter a fronte di un minimo ingombro.

Conseguentemente è possibile sfruttare appieno la capacità di carico del furgone a tetto alto (altezza 2.590 mm), pari a 10,7 m3. Lo stesso vale per altre importanti misure, quali la larghezza (1.380 mm) e l'altezza di carico (1.861 mm). Il carico utile massimo è compreso tra 0,975 e 1,72 tonnellate a seconda della configurazione scelta. Nella parte anteriore dell'e-Crafter è integrato il motore elettrico - un motore sincrono del tipo EEM85 che, come menzionato, mette a disposizione una potenza di picco di 136 CV (100 kW). La coppia massima è di 290 Nm. La potenza viene trasmessa all'asse anteriore tramite un cambio automatico a 1 rapporto (EQ 290) concepito specificamente per i veicoli commerciali. Motore, cambio e differenziale formano un modulo compatto. Questa unità viene costruita nello stabilimento di Kassel.

Tra gli altri elementi tecnici del sistema di trazione figurano la centralina motore e l'elettronica di potenza. Quest'ultima gestisce il flusso di energia ad alta tensione fra il motore elettrico e la batteria. La corrente continua (DC), accumulata nella batteria agli ioni di litio, viene trasformata dall'elettronica di potenza in corrente alternata (AC). Contestualmente, un convertitore DC/DC produce la tensione a 12 V per la rete di bordo. I motori elettrici possono erogare la loro coppia massima immediatamente dalla partenza. Ciò consente all'e-Crafter prestazioni di marcia straordinarie.

Anche in quartieri quali il Treppenviertel (letteralmente: quartiere a scale) di Amburgo o il Montmartre di Parigi, l'e-Crafter è perfettamente a suo agio sulle ripide strade delle città, grazie alla sua capacità di gestire una pendenza del 20%. Allo stesso tempo il furgone a emissioni zero è molto efficiente nel consumo di energia: con 0,975 tonnellate di carico utile, il consumo di corrente elettrica nel ciclo combinato si limita a 21,54 kW/100 km.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volkswagen: debutta l’e-Crafter, il van a emissioni zero

Today è in caricamento