rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
quasi pronto

Il bonus auto con il Dpcm: una dote di 700 milioni di euro

Il ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti ha confermato il piano di aiuti al settore automotive con fondi per il 2022 e investimenti fino al 2030. Attese novità entro la fine della settimana

Da settimane ormai si discute degli aiuti economici al settore automobilistico, fiaccato da due anni di pandemia, crisi dei chip e semiconduttori e come se non bastasse, anche dai risvolti del conflitto tra Russia e Ucraina.

Il contesto generico è di grande difficoltà e a testimoniarlo ci sono i numeri negativi relativi alle immatricolazioni nei primi due mesi dell'anno, con dati sensibilmente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A tal proposito, nell'ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il governo italiano ha in programma un apposito decreto per il settore automotive, con interventi a breve e medio termine, che si sostanzieranno in incentivi per l'acquisto di vetture non inquinanti (elettriche e ibride) e aiuti al settore per favorire la transizione energetica.

Bonus auto 2022: chi può richiederlo e come fare domanda

Intervenendo in collegamento al VTM (Vehicle and Transportation Technology Innovation Meeting) in corso a Torino, il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti ha fatto sapere che l'accordo per l'approvazione del Dpcm a sostegno del settore automotive potrebbe essere trovato "entro la settimana", confermando che sono in arrivo 700 milioni di euro per il 2022 e 1 miliardo l'anno fino al 2030, fondi che saranno ripartiti fra incentivi alla domanda "per le auto elettrificate, non solo per le elettriche" e per accelerare la riconversione industriale.

Sulla lunghezza delle tempistiche, Giorgetti ha spiegato che si tratta di "un percorso complesso" poiché esso vede coinvolti anche il Ministero dell'Economia e della Transizione Ecologica. Mi spiace per questi ritardi e mi rendo conto che il mercato è in grossa difficoltà".

Bonus auto 2022: come funzionerà

Secondo le anticipazioni circolate finora in merito al decreto ministeriale sull'automotive, gli incentivi dovrebbero essere erogati in base a tre diverse fasce a seconda delle emissioni di CO2 prodotte. In queste tre fasce (dei 670 milioni di quest’anno per le auto, 250 andrebbero all’elettrico e altrettanti all’ibrido plug-in, mentre gli ultimi 170 sono per i modelli più diffusi e richiesti) saranno inclusi anche i veicoli alimentati a benzina e diesel. Le fasce dovrebbero essere così ripartite:

  • 0-20 grammi (auto elettriche)
  • 21-60 grammi (auto ibride plug-in)
  • 61-135 grammi (auto mild hybrid, full hybrid, benzina, diesel, metano o Gpl)
     
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bonus auto con il Dpcm: una dote di 700 milioni di euro

Today è in caricamento