Lunedì, 18 Gennaio 2021

La sfida del Gruppo Volkswagen: ridurre l'impatto ambientale del 45% entro il 2025

Durante la Group Environmental Conference di Wolfsburg, gli esperti ambientali hanno discusso l’orientamento ecologico del Gruppo che crede fermamente nell'importanza di una strategia ambientale sostenibile

Con il tema della tutela dell'ambiente che assume un'importanza sempre più cruciale, il Gruppo Volkswagen si candida ad avere un ruolo guida sulla sostenibilità nell’industria automobilistica.

“Per molto tempo siamo stati in testa a prestigiosi indici di sostenibilità e abbiamo intenzione di riguadagnare quella posizione” ha affermato il CEO Matthias Müller all’apertura della Group Environmental Conference (GEC) a Wolfsburg. “È nostro compito proprio come Gruppo dare un contributo significativo per arginare il cambiamento climatico e migliorare la qualità dell’aria nei centri urbani”.

Riduzione dell'impatto ambientale entro il 2025

Come ha spiegato Müller, non è solo una questione di veicoli puliti ed efficienti; all’interno del Gruppo anche la tutela ambientale in fase di produzione gioca un ruolo fondamentale. “Per questo stiamo definendo nuovi e ambiziosi obiettivi: ridurremo l’impatto ambientale dell’intero Gruppo di un ulteriore 20% entro il 2025” ha annunciato Müller. “Ciò significa il 45% in meno di consumo di energia e acqua, emissioni di CO2 e COV (composti organici volatili) e scarti rispetto al 2010, anno di riferimento”. Inoltre ha sottolineato come il Gruppo Volkswagen stia perseguendo una strategia ambientale olistica: “Stiamo ampliando la nostra concezione di sostenibilità ambientale: non è solo ciò che esce dal tubo di scarico che conta. Dobbiamo occuparci dell’intero ciclo di vita della mobilità, dalla produzione di energia e dalle materie prime fino al riciclo”.

Tornare in cima dopo lo scandalo emissioni

Con questo approccio, il Gruppo Volkswagen sta inoltre seguendo i suggerimenti del Consiglio di Sostenibilità, un organo composto da esperti internazionali indipendenti, che dà indicazioni al Consiglio di Amministrazione in merito ai processi di trasformazione. “I nostri Clienti e la società si aspettano un comportamento sostenibile da parte nostra” ha dichiarato il CEO Müller nel suo discorso. Ha aggiunto che un dialogo critico e costruttivo è stato importante per il Gruppo per riguadagnare la fiducia. “È positivo che l’Azienda si stia aprendo e confrontando con prospettive esterne, in particolare quando si tratta di ambiente e sostenibilità” ha affermato Müller alla Group Environmental Conference. “L’abbiamo ufficializzato poco meno di un anno fa, quando abbiamo istituito il Consiglio di Sostenibilità”. Nel suo discorso di benvenuto Bernd Osterloh, Presidente del Consiglio di Fabbrica, ha commentato: “Il Gruppo deve dimostrare un grande impegno per riguadagnare la testa delle classifiche di sostenibilità. Eravamo leader nell’agosto 2015, ma poi siamo retrocessi per la questione emissioni. La nostra aspirazione comune dev’essere tornare in cima alle classifiche e il lavoro di centinaia di esperti ambientali all’interno del Gruppo Volkswagen costituisce un importante passo in questa direzione”.

Una task force all'opera per studiare una condotta sostenibile

Le conferenze Group Environmental, forum di discussione per circa 400 addetti ambientali provenienti da tutto il Gruppo, sono state introdotte nel 1998 per parlare di strategie, provvedimenti e progetti e per portare avanti lo sviluppo sostenibile dell’Azienda. “Il Gruppo Volkswagen fissa una condotta sostenibile lungo tutta la catena del valore e dà un contributo importante alla transizione energetica investendo in energie rinnovabili” ha commentato Stephan Krinke, Responsabile degli Affari Ambientali del Gruppo. “La conferenza ci dà l’opportunità di raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi ambientali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sfida del Gruppo Volkswagen: ridurre l'impatto ambientale del 45% entro il 2025

Today è in caricamento