rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Green

Stretta delle regioni sul diesel: incentivi per chi compra elettriche o ibride

In diverse regioni dello Stivale si stanno adottando provvedimenti volti a incentivare l'acquisto di auto con alimentazioni più ecologiche dei motori a gasolio

Tra i vari tipi di alimentazione esistenti per le auto, i motori alimentati a diesel sono indubbiamente i più inquinanti (ricorderete il famoso dieselgate). Per limitarne l'uso e scoraggiarne l'ulteriore diffusione nel tentativo di ridurre le emissioni, diverse regioni italiane - seguendo le linee guida dell'Unione Europea - stanno varando provvedimenti che incentivino l'acquisto di auto con alimentazioni alternative per convincere i consumatori ad acquistare in particolare le elettriche e le ibride.

Lombardia in testa 

Una delle regioni capofila nella lotta ai motori diesel è la Lombardia, dove comprare un veicolo a gasolio è tutt'altro che conveniente. Qui la regione ha approvato una norma che consente solo a chi acquista un mezzo ibrido, elettrico o a benzina di usufruire del contributo per la rottamazione del mezzo in proprio possesso, pari a 90 euro, e dell'esenzione dal pagamento del bollo auto per tre anni. Un provvedimento destinato a far storcere il naso a qualcuno, ma sul quale pesano probabilmente le bacchettate della Commissione europea contro l'Italia per il superamento dei limiti delle polveri sottili, in particolare in alcune aree della Lombardia.

Motori diesel, guerra silenziosa

Le altre regioni

E nelle altre regioni, cosa succede? Basilicata, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Umbria e Veneto, ad esempio, garantiscono l'esenzione del bollo auto per cinque anni dalla prima immatricolazione. Nella provincia di Bolzano, invece, si offrono fino a 4.000 euro d'incentivo per l'acquisto di un'auto elettrica nuova e fino a 2.000 euro per una ibrida plug-in, oltre all'esenzione dal bollo per 5 anni e riduzione al 22,5% dal sesto in poi. 

Bollo auto: cosa succede se non si paga

Bollo più caro per le auto più inquinanti

A livello nazionale, una delle proposte per contenere le emissioni è quella di legare l'importo del bollo auto in proporzione a quanto inquina il veicolo. Attualmente il bollo auto è una tassa sulla proprietà dell'auto che prescinde dal suo effettivo utilizzo, calcolata in base ai kW di potenza del veicolo. Mettere in pratica questa soluzione, tuttavia, potrebbe non risultare così semplice poiché penalizzerebbe i proprietari di auto più vecchie e chi non può permettersi di comprare un'auto nuova.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stretta delle regioni sul diesel: incentivi per chi compra elettriche o ibride

Today è in caricamento