rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
numeri in crescita

Incidenti stradali: i numeri tornano ai livelli pre-covid. Aumentano i morti in monopattino

Il rapport Aci-Istat relativo al 2022 sulle 107 province italiane segnala il ritorno alle stime pre-pandemiche con una media di 454 incidenti e 8,7 morti al giorno

Morire a causa di un incidente stradale oggi è facile come nel periodo precedente alla pandemia, periodo che invece aveva segnato un calo significativo visto il minor numero di spostamenti dovuto alle restrizioni. A rivelarlo i dati Aci-Istat raccolti nel 2022 nelle 107 province italiane: incidenti, morti e feriti sono tornati agli stessi livelli precendenti al covid. 

Si calcola che lo scorso anno ci siano stati 165.889 incidenti (454 al giorno), 3.159 morti (8,7/g.), 223.475 feriti (612/g.). Numeri in crescita rispetto al 2021, quando gli incidenti con lesioni a persone furono 151.875 (+9,2% nel 2022), circa 20mila in meno rispetto ai 172.183 del 2019 (-3,7%). Per quanto riguarda i decessi, nel 2021 furono 2.875 e il numero attuale segna un aumento del +9,9%, più simile ai livelli del 2019 quando i decessi furono 3.173 (-0,4%). Rispetto ai 204.728 del 2021 ha subito un incremento anche il numero dei feriti (+9,2%), che è però inferiore al dato del 2019, quando furono registrati 241.384 feriti (-7,4%). 

Incidenti stradali: i dati nelle province

Se comparato al 2019, anno che è stato scelto come riferimento per l’obiettivo 2030, in 53 province su 107 si sono registrati aumenti del numero di decessi legato a sinistri stradali. In altre 53 province, invece, il dato è inferiore. Soltanto in una provincia (Lodi) il numero dei morti è rimasto lo stesso.

Le vittime della strada nel 2022 sono state complessivamente 3.159 in tutta Italia: Roma (+33) e Latina (+18) con i loro numeri, sono le province che fanno del Lazio la Regione con il più alto aumento di morti rispetto al 2019 (+44), incrementi anche a Novara e Foggia (+15). Numeri migliori, invece, per le province di Brescia (-20), Modena (-17), Forlì-Cesena e Venezia (-16). 

Le province con gli incrementi più alti rispetto al 2019, sono: Oristano (+180%; 14 morti nel 2022, 12 nel 2021 e 5 nel 2019), Aosta (+150%; 10 morti nel 2022, 1 nel 2021 e 4 nel 2019) e Novara (+79%: 34 morti nel 2022, 19 nel 2021 e 19 nel 2019). Dati più confortanti a Vibo Valentia (-67%; 3 morti nel 2022, 6 nel 2021 e 9 nel 2019), Biella (-63%; 3 morti nel 2022, 13 nel 2021 e 8 nel 2019), Reggio Calabria e Gorizia (-60%; rispettivamente 10 morti nel 2022, 22 nel 2021 e 25 nel 2019 e 4 morti nel 2022, 10 nel 2021 e 10 nel 2019).Ci sono inoltre 13 province in cui l’indice di mortalità (morti per 100 incidenti) è risultato almeno doppio rispetto al valore medio nazionale (1,90): è il caso di Matera (5,91), Foggia (5,18), Nuoro (5,15) e Vercelli (5,13). Savona, Prato, Genova, La Spezia, Monza Brianza, Biella, Milano e Gorizia sono, invece, le province in cui gli incidenti risultano meno gravi: qui, infatti, l’indice di mortalità è inferiore ad 1 morto ogni 100 incidenti.

Incidenti stradali: i dati delle regioni

Tra le regioni, il maggiore incremento di vittime in percentuale è stato registrato in Valle d’Aosta (+150%), Basilicata (+59%) e Sardegna (+41%). La maggiore diminuzione di vittime rispetto al 2021 si è avuta in Molise (-50%), Calabria (-29%) e Abruzzo (-24%). La regione col maggiore incremento di vittime è come detto in precedenza il lazio con 44 vittime in più, seguono Sardegna (+29) e Puglia (+19). La maggiore diminuzione di vittime è in: Emila Romagna (-41), Lombardia (-36) e Calabria (-30).

In crescita le vittime sui monopattini

Relativamente alla mobilità a piedi, su bicicletta o bicicletta e monopattino elettrico le vittime sono in forte crescita per gli utenti di monopattini (2.929 incidenti; 16 morti, +77,8% rispetto al 2021) e di biciclette elettriche (1.113 incidenti; 20 morti, +53,8% rispetto al 2021). Un maggior numero di incidenti (18.384) ha interessato anche i pedoni, con 485 morti (+3%). Calano i decessi tra i ciclisti (15.981 incidenti, 185 morti, segnando un -6,8% rispetto al 2021). 

Roma è la provincia col più alto numero di pedoni morti (56), seguita da Milano (24), Napoli (23) e Torino (18). Padova, invece, ha la maglia nera per il più alto numero di ciclisti morti (10), seguita da Udine (9), Milano, Venezia e Ravenna (8). Dei 16 morti su monopattino, 4 sono concentrati nella provincia di Milano, 3 in provincia di Roma e 2 in provincia di Torino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali: i numeri tornano ai livelli pre-covid. Aumentano i morti in monopattino

Today è in caricamento