Bollo auto, come sapere quando scade e l'importo da pagare

Attraverso il servizio online dell'Agenzia delle Entrate i proprietari di un veicolo possono scoprire, inserendo soltanto il numero di targa, quando e quanto dovranno pagare

Foto di repertorio

Tutti i proprietari di un'automobile, ad un certo punto dell'anno, si trovano di fronte a due domande ben precise: quando scade il bollo auto? Quanto devo pagare? Due quesiti a cui non possono sottrarsi i proprietari dei veicoli che per legge non possono sottrarsi alla tassa automobilistica.

Per venire incontro alle domande dei contribuenti l'Agenzia delle Entrate ha realizzato un servizio online per i cittadini che permette di scoprire data di scadenza del bollo auto e importo dovuto soltanto inserendo la targa del veicolo su cui si intende fare la ricerca. Il servizio è attivo al seguente link dal lunedì alla domenica, dalle ore 7 alle ore 24.

"Questa funzione - ricorda l'Amministrazione - non deve essere utilizzata se, per il veicolo, è presente un contratto di leasing, usufrutto o acquisto con patto di riservato dominio. In tali ipotesi è necessario utilizzare la formula completa".

Inoltre, si legge, "su richiesta della provincia autonoma di Bolzano il calcolo della tassa automobilistica per i residenti nella provincia non è consentito". L'Agenzia ricorda inoltre che questa funzione non deve essere utilizzata se, per il veicolo, è presente un contratto di leasing, usufrutto o acquisto con patto di riservato dominio. In tali ipotesi è necessario utilizzare la formula completa.

Bollo auto, quando si paga

Il pagamento della tassa automobilistica deve essere effettuato in periodi fissi che, normalmente, coincidono con il primo mese di validità della tassa. Ad esempio, per un autoveicolo con scadenza del bollo aprile 2019 il versamento della tassa dovrà essere effettuato nel mese di maggio 2018.

Bollo auto prescritto o già pagato: come richiedere l'annullamento

Come avviene il calcolo

La formula effettua il calcolo della tassa ed eventuali sanzioni e interessi al momento in cui viene effettuata la richiesta:

  • se la richiesta è effettuata nel periodo previsto per il pagamento, non sono indicati importi per sanzioni e interessi
  • se la richiesta è effettuata in una data successiva al periodo previsto per il pagamento, vengono visualizzati anche i relativi importi di sanzioni e interessi.

Se la richiesta viene eseguita prima del periodo di pagamento, il programma, facendo riferimento alla precedente scadenza, indicherà le maggiorazioni dovute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

  • Giuliana De Sio dopo il coronavirus: “Uno straccio di donna che però sta guarendo”

Torna su
Today è in caricamento