Giovedì, 21 Ottobre 2021
Notizie

Lego: Bugatti Chiron, la prima auto a mattoncini che si può guidare

Oltre un milione di mattoncini per un’auto a grandezza reale: Bugatti Chiron in Lego ora è pronta a muoversi come una vera vettura...

Presentata all’autodromo di Monza, dopo 6 mesi di lavoro e un milione di pezzi, Bugatti Chiron abbandona le dimensioni in scala… e come una vera propria auto di serie prende velocità. Le prestazioni non saranno quella delle supercar ma di certo per essere la prima vettura del marchio Lego a muoversi riesce già ad arrivare ai 30km/h...

«Lego e Bugatti sono due brand che rappresentano dei simboli e che condividono i valori del design, dell’eccellenza e dell’innovazione. Con la nuova Lego Technic Bugatti Chiron miriamo a ispirare non solo i costruttori, ma anche gli ingegneri del domani», commenta Paolo Lazzarin, manager Lego Italia

LEGO-Technic-Bugatti_-Chiron-_Build-For-Real67-640x427-2

Il motore “Lego”

La Lego Technic Bugatti Chiron è in grado di raggiungere i 20 km/h con due persone a bordo e i 30 con una; il motore, che contiene quasi 8.400 pezzi, pesa 1,5 tonnellate e genera 5,3 cv con una coppia di 92 Nm. Il modello dotato, di tutto punto, di spoiler tachimetro, luci anteriori e posteriori, volante smontabile e pedale freno è formato da più di un milione pezzi di 339 diverse tipologie, tutte ovviamente ad incastro. Solo due pezzi sono in acciaio in tutta la vettura.

Andy Wallace, pilota ufficiale di Bugatti ha commentato: “Quando ho visto per la prima volta la Lego Technic Bugatti Chiron mi ha colpito subito l’eccezionale accuratezza nei dettagli del modello: da circa 20 metri di distanza non è così ovvio che stiate osservando un’auto Lego!”

Lego: speciale cura dei dettagli

La richiesta ricevuta dalla Danimarca allo stabilimento Lego di Kladno, in Repubblica Ceca, è stata esplatata in meno di un anno nonostante le difficoltà: la riproduzione identica all’originale, in completo stile Lego, è stata raccontata dal ceco Lubor Zelinka, alla guida del team di costruttori che ha dato vita al modello. 

Quali sono stati i maggiori problemi per la prima Lego guidabile della storia? Innanzitutto i tecnici hanno dovuto risolvere il problema del peso umano a bordo mai avuto sui mattoncini. Poi per la prima volta sono stati utilizzati pezzi trasparenti per le luci, per riprodurre la medesima sequenza di accensione. Chissà, se svangati gli ostacoli, di queste auto speciali ne vedremo ancora…

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lego: Bugatti Chiron, la prima auto a mattoncini che si può guidare

Today è in caricamento