Cambia l'esame per la patente A: tutte le novità in arrivo

Il decreto del Ministero dei Trasporti pubblicato in Gazzetta Ufficiale:

Novità in vista per quel che riguarda le procedure per prendere la patente A, ovvero il documento che autorizza alla guida delle moto in strada. Un decreto del Ministero dei Trasporti è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale: passano da sei a tre le fasi della prova pratica.

Che cosa cambia concretamente nella prova pratica? Si partirà dalla verifica delle capacità del conducente nel prepararsi a una guida sicura e, poi, su manovre, indicate nel percorso sui circuiti di prova. In un'ultima fase vengono valutati i comportamenti di guida nel traffico per verificare se li esegue con la massima sicurezza, adottando tutte le precauzioni.

Come cambia la prova pratica

Il decreto “Nuova disciplina delle prove di valutazione delle capacità e dei comportamenti per il conseguimento delle patenti di guida delle categorie A1, A2 e A” assimila quindi le nuove direttive comunitarie (direttiva  2006/126/CE) sulle prove d’esame in condizioni di guida più vicine alla realtà. Gli esercizi dovranno essere svolti a una velocità più alta rispetto ai 30 km/h attuali. Ciò comporterà inevitabilmente il ricorso ad aree chiuse e spazi opportunamente pensati per poter svolgere sia gli esercizi di allenamento che le prove di valutazione ufficiali in tutta sicurezza. 

Qualche esempio: un esercizio verrà eseguito a bassa velocità per dimostrare le capacità di controllare il motociclo e quindi l’equilibrio a bassa velocità in un percorso stabilito. Un altro esercizio invece punta a verificare la capacità del candidato di controllare il motociclo a 50 km/h.

Indicazioni precise anche sull'abbigliamento per sostenere la prova pratica: il decreto del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture obbliga i candidati a presentarsi il giorno della prova guida con guanti, giacca dotata di protezione di gomiti e spalle, pantaloni lunghi con quelle per le ginocchia, paraschiena e casco integrale. Questo abbigliamento è fondamentale per garantire l'incolumità dei candidati durante la prova pratica.

Patente A, nessuna novità per la prova teorica

Tutto resta come prima invece per la prova teorica della patente A, che ricordiamo non è obbligatoria per coloro che sono già in possesso della patente A1 e A2, o della patente B e B1. La teoria, quindi, sarà composta ancora da 40 quiz, e sono ammessi massimo di 4 errori 

Sia per la prova teorica che per quella pratica c’è tempo 6 mesi per superarla. Il candidato, in caso di bocciatura, può riprovare al massimo per una sola volta. Quindi, scaduti i 6 mesi dall’iscrizione (o dalla consegna del foglio rosa per l’esame pratico) o in caso di doppia bocciatura, il candidato dovrà iscriversi nuovamente per poter tentare il conseguimento della patente A (conosciuta anche come A3) che consente di guidare tutti i motocicli senza limitazioni di cilindrata o potenza.

Come convertire una patente estera in Italia 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi martedì 11 agosto 2020: numeri vincenti

  • Tour de France 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Lotto oggi, estrazioni di giovedì 13 agosto. SuperEnalotto e 10eLotto, numeri vincenti

  • Belen e Stefano, piovono critiche su Ilenia Lazzarin. Lei: “Mai messo bocca sulla loro relazione”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento