Martedì, 21 Settembre 2021
Notizie

La multa stradale arriverà via Pec: "Vale come notifica dell'atto, impossibile da ignorare"

L'invio del verbale tramite posta certificata è ora ufficiale: è un atto "notificato e conoscibile" che non potrà essere ignorato dall'automobilista

Le multe stradali arriveranno sulla casella di posta certificata e gli automobilisti. Le notifiche dei verbali delle contravvenzioni per violazione al Codice della Strada saranno infatti notificate ai destinatari tramite Pec ed è tutto ufficiale, visto che è stato pubblicato in Gazzetta il decreto ministeriale che lo dispone. In questo modo gli automobilisti non potranno più "far finta di niente": l'invio sulla Pec della multa infatti è considerato un atto "notificato e conoscibile". 

Multe direttamente in Pec, cosa dice il decreto

Il decreto, come scrive Aldo Fontanarosa su Repubblica, descrive una situazione tipo. Ad esempio, la polizia ferma un automobilista per una violazione del Codice della Strada e chiede se ha un "valido indirizzo Pec". Da quel momento la Pec viene considerata come "indirizzo digitale" dell'automobilista. Per accertarsi che l'automobilista sia veramente in possesso della Pec la polizia è tenuta a cercare l'indirizzo di posta certificata dell'automobilista sanzionato (e di qualsiasi altra persona coinvolta, in quanto "obbligata in solido con l'autore della violazione) nei "pubblici elenchi cui abbiano accesso". Quindi sarà difficile mentire dicendo di non avere un indirizzo Pec sul quale ricevere la notifica della multa

Multe notificate in Pec, come funziona

Le email inviate dalla Polizia via Pec avranno come oggetto la frase: "Atto amministrativo relativo a una sanzione amministrativa prevista dal Codice della Strada" e conterranno il nome e l'ufficio che scrive, quello del funzionario responsabile del "procedimento di notificazione", i dati per accedere al fascicolo relativo, "copia per immagine" o "copia informatica" del verbale di contestazione, l'elenco pubblico da cui è stato ricavato l'indirizzo di Pec e ogni informazioni utile all'automobilista affinché possa esercitare il proprio diritto alla difesa. 

Se l'invio sulla Pec fallisce per colpa del destinatario (cioè l'automobilista), la Polizia - che ristamperà tutto, compreso "l'avviso di mancata notifica", invierà la multa per posta tradizionale, con spese a carico del destinatario. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La multa stradale arriverà via Pec: "Vale come notifica dell'atto, impossibile da ignorare"

Today è in caricamento