Venerdì, 30 Luglio 2021
Motori

L'inchiesta di Quattroruote: "Tenere l'auto ferma costa più che utilizzarla"

In edicola l'inchiesta del mensile dedicato ai motori sul "caro sosta" nelle principali città italiane, che da tempo hanno esteso le strisce blu anche in zone periferiche mentre i prezzi dei garage sono alle stelle

Tenere un'auto ferma può essere più costoso che utilizzarla visto che ormai i Comuni stanno portando le strisce blu fino alle periferie e ne aumentano le tariffe, mentre i costi dei garage sono saliti alle stelle. 

A denunciare quello che definisce “l’ennesimo salasso per i consumatori” è Quattroruote di settembre, da domani in edicola, con un’indagine sul territorio che esamina le tariffe in vigore a Milano, Torino, Roma e Napoli. Secondo Quattroruote le cifre sono ormai da primato, ma oltre a questo il mensile registra una nuova e importante tendenza: se, infatti, un tempo vittime del caro parcheggio erano soprattutto i centri storici, ora le amministrazioni locali stanno inondando con colate di strisce blu anche le aree periferiche. 

A Milano si paga per lasciare la macchina in strada persino in un quartiere lontano dal cuore della città come Gratosoglio, mentre a Roma la giunta della sindaca Virginia Raggi ha da poco annunciato l’intenzione di volerle estendere fino al limite del Grande raccordo anulare, includendo i quartieri dell’Eur, della Magliana e di Monteverde e persino località come Ostia e Acilia. L’estensione riguarderà anche Torino, dove si pagherà nel quartiere Campidoglio, in piazza Bengasi e nelle circoscrizioni Vanchiglia, barriere Nizza e Borgo Po. Le tariffe sono poi in costante aumento. 

L’hit parade stilata da Quattroruote delle strisce blu vede al vertice Milano, dove all’interno della Cerchia dei Bastioni, a partire dalla seconda ora, il prezzo per la sosta nelle strisce blu è di ben 4,5 euro l’ora (3 euro, per la prima), di poco inferiore a quello praticato da molti autosili e garage. Seguono, in questa classifica, Torino e Napoli con 2,5 euro l’ora per il parcheggio nelle strisce blu della Ztl centrale (nella città campana, gli euro richiesti sono 2 per la prima ora); chiude la graduatoria Roma, con 1,2 euro l’ora, sempre all’interno della Ztl. 

“La convenienza della Capitale è però destinata ad avere vita breve, visto che la sindaca Raggi ha già annunciato l’intenzione di portare la spesa oraria, sia per le zone centrali sia per quelle semi-centrali, a 3 euro l’ora”, sottolinea nell’anticipazione Quattroruote.

Presi in esame inoltre i costi di un campione di dieci garage, autorimesse e autosili delle zone centrali o semicentrali delle quattro città, rilevando le tariffe orarie e mensili per una vettura media (Alfa Romeo Giulietta o Volkswagen Golf).  Per quanto riguarda il costo per un’ora di sosta, le strutture più care sono risultate quelle di Roma, con una richiesta anche di 7 euro, contro i 5 di Milano, i 4 di Napoli e i 3,5 di Torino. L’hit parade del caro sosta mensile vede al vertice sempre la Capitale, con una richiesta media, per le dieci strutture esaminate, di ben 483 euro, contro i 253 di Milano, i 201 di Napoli e i 166 di Torino. Da record il costo mensile di una struttura nel cuore di Roma, vicina a Montecitorio: ben 854 euro al mese. Non mancano, però, altri operatori che chiedono più di 500-600 euro, contro le punte di 350 a Milano e Napoli e di 300 a Torino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta di Quattroruote: "Tenere l'auto ferma costa più che utilizzarla"

Today è in caricamento