Martedì, 27 Luglio 2021
Tech

Realtà aumentata nel box MotoGP grazie alla collaborazione tra Aprilia Racing e Realmore

La collaborazione tra la casa motociclistica e l'azienda hi-tech porta la realtà aumentata nel paddock aumentando le possibilità di una messa a punto efficiente per i meccanici

Immaginate di poter guardare la vostra moto con delle lenti che permettono una diagnosi istantanea sullo stato del mezzo. Roba da videogame? Nient'affatto, è la realtà. Realtà aumentata, ad essere precisi. 

A sperimentare questa trovata avveniristica nel box della più alta competizione motociclistica mondiale, la MotoGP, ci hanno pensato Aprilia Racing e Realmore, ambiziosa azienda hi-tech. Dalla sinergia tra le due aziende è così nata una partnership volta a  sperimentare sul campo le applicazioni di un progetto tecnologicamente di avanguardia ed estremamente ambizioso nell’ambito dell’Industria 4.0. 

Realtà aumentata nel paddock

Aprilia Racing ha commissionato a Realmore lo sviluppo di un'applicazione software che - grazie all’utilizzo di Daqri Smart Helmet, - un casco tecnologicamente avanzatissimo, che consente di visualizzare contenuti olografici per coadiuvare tecnici e meccanici durante le attività di preparazione delle moto da gara. Grazie alla tecnologia della Realtà Aumentata i tecnici potranno visualizzare contenuti 3D di parti della moto che interagiscono ai comandi dell’utente fornendo informazioni grafiche in tempo reale. Una possibilità che consente di velocizzare le attività nel box e ridurre sensibilimente il rischio errore umano.

Come funziona lo Smart Helmet

Attraverso un ologramma 3D dell'intera moto, i meccanici visualizzeranno in tempo reale dati telemetrici quali la temperatura di acqua e olio o dei pneumatici, tutte informazioni contestualizzate nel modello 3D della moto. Avranno quindi la facoltà di fare una checklist relativa all’usura delle parti della moto e valutare al meglio quando i tempi di sostituzione. Grazie alla funzione “Remote Expert” il capotecnico avrà inoltre la possibilità di comunicare a distanza con i meccanici, facendo visualizzare loro, sovrapposte sullo schermo del casco, le informazioni strategiche solitamente condivise nel box quali il tipo di gomma da montare, i chilogrammi di benzina da avere in serbatoio o i giri percorsi in ogni run. Utilizzando infine la termocamera installata sul dispositivo, sarà possibile fare in tempo reale una scansione termica della moto e controllare la temperatura dei liquidi per individuare nel minor tempo possibili anomalie ed eventuali criticità.

Realtà aumentata e MotoGP: il futuro è qui 

La collaborazione tra Realmore e Aprilia Racing trova così terreno comune in un ambiente di eccellenza, naturalmente volto alla ricerca e alla sperimentazione come quello della MotoGP. La scelta di avvalersi della tecnologia AR, ancora poco utilizzata in questo ambiente e poco conosciuta sul piano applicativo, si è fin da subito rivelata vincente e di larghe vedute e l'entusiastica accoglienza da parte di tecnici e meccanici del Team Aprilia Racing ne è la prova più gradita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Realtà aumentata nel box MotoGP grazie alla collaborazione tra Aprilia Racing e Realmore

Today è in caricamento