Venerdì, 30 Luglio 2021
Lavoro

Carnevale: i coriandoli compiono 145 anni

Carnevale: i coriandoli compiono 145 anni

Roma, 19 feb. (Labitalia) - Oggi il Carnevale rappresenta sicuramente la festa più spensierata e allegra dell'anno, in cui il trantran quotidiano lascia spazio al divertimento, al riso e alle maschere. Pochi sanno che quest'anno ricorre un anniversario davvero particolare: 145 anni fa nascevano i coloratissimi coriandoli di carta. Proprio per questo motivo, il maestro della Scuola del Cioccolato Perugina Alberto Farinelli, lasciandosi ispirare dai coriandoli, ha deciso di creare le 'Coriambelle': morbide ciambelle cotte al forno ricoperte da una glassa al cioccolato, resa ancora più golosa dalle decorazioni carnevalesche di tanti zuccherini colorati.


A metà strada tra la napoletanissima Graffe e i Donuts americani, le 'Coriambelle' richiamano i piccoli pezzettini di carta che vibrano nell'aria ogni anno a Carnevale a partire già dalla loro forma tonda. La glassa è realizzata con Perugina GranBlocco, cioccolato fedele alla riconosciuta eccellenza e qualità Perugina e ideale per la creazione di qualsiasi dolce che farà la differenza. Una cascata di zuccherini colorati dà il tocco finale e rende queste ciambelle cotte al forno, il dolce per Carnevale da condividere in famiglia e con gli amici.


Dalle zeppole alle classiche e famose chiacchiere, dai ravioli dolci alle bugie, di dolci italiani tipici del Carnevale ne esistono davvero tanti e appartengono tutti alla tradizione italiana. Varie sono le storie e le leggende che si narrano attorno alla creazione di questi dolci, nessuna di queste però rende omaggio in maniera esplicita ai coriandoli di Carnevale che quest'anno compiono 145 anni. Le 'Coriambelle' sono, appunto, la dolce celebrazione di un simbolo conosciuto in tutto il mondo.


Se nel 1500 durante le festività si usava lanciare in aria dei confetti di zucchero dai carri è solo nel 1875 che grazie al genio dell'ingegnere Enrico Mangili si iniziarono ad utilizzare piccoli dischetti di carta, quelli di scarto provenienti dagli allevamenti dei bachi da seta, chiamati coriandoli dal seme all'interno dei predecessori confetti.


Le 'Coriambelle' uniscono insieme tradizione, sperimentazione e storia, senza tralasciare la golosità appartenente alle classiche ciambelle. La creazione del maestro Alberto è stata pensata anche per essere replicata in maniera semplice. Dopo aver preparato l'impasto e messo a lievitare per circa un'ora, basterà stenderlo e ricavare la forma delle ciambelle col tagliapasta. La cottura è al forno, a differenza dei dolci fritti tipici del Carnevale, conferendo maggiore leggerezza ma mantenendo la golosità di un dolce al cioccolato. Infine, bisognerà preparare la glassa utilizzando il cioccolato Perugina GranBlocco preferito (Cioccolato Latte, Fondente Extra 50% o Fondente Extra 70%) o anche le Gocce Perugina al cioccolato bianco per poi sbizzarrirsi con confettini colorati a piacere.


Il consiglio del maestro è di avere due impasti: dall'impasto iniziale, amalgamarne la metà con Perugina Cacao Amaro così da realizzare sia le classiche ciambelle bianche che delle golose ciambelle al cacao, rigorosamente col buco!


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevale: i coriandoli compiono 145 anni

Today è in caricamento