Mercoledì, 23 Giugno 2021
Lavoro

Contratti, rinnovo per cooperative settore servizi alla persona

Firmato da Sistema Impresa, Sistemacoop, Fesica Confsal e Confsal

Contratti, rinnovo per cooperative settore servizi alla persona

Roma, 26 gen. (Labitalia) - Sistema Impresa, Sistemacoop, Fesica Confsal e Confsal hanno portato a termine il percorso di negoziato sfociato nella sottoscrizione del rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per le lavoratrici e i lavoratori delle cooperative, consorzi e società consortili del settore servizi alla persona. Hanno partecipato al momento della firma finale, che si è tenuto a Roma, il presidente di Sistema Impresa Berlino Tazza, il presidente di Sistemacoop Mauro Rossini, il segretario generale di Fesica Confsal Bruno Mariani, il segretario generale di Confsal Angelo Raffaele Margiotta.


"Abbiamo lavorato con spirito unanime e costruttivo - commenta il presidente di Sistema Impresa, Berlino Tazza - con la consapevolezza che il settore socioassistenziale costituisce uno degli ambiti che più sono stati investiti dagli aspetti più problematici della crisi indotta dalla pandemia. È anche un comparto, però, che ha svolto e continua a svolgere un ruolo strategico nel fornire soluzioni di aiuto per le persone più fragili e di impiego, soprattutto in riferimento alle figure femminili che sono state gravemente penalizzate durante il periodo dell'emergenza. Il documento nato dalla collaborazione con Sistemacoop, Confsal e Fesica Confsal è uno strumento utile, attuale, che tutela gli operatori e promuove l'azione virtuosa delle cooperative nelle economie locali".


"Il contratto riguarda tutto il territorio nazionale - spiega Mauro Rossini, di Sistemacoop - dove numerose cooperative e strutture di assistenza sono chiamate a sostenere uno sforzo maggiore per contrastare gli effetti economici, sociali e sanitari del Covid. Siamo in presenza di una allarmante battuta d'arresto dell'economia che sta gradualmente ma inesorabilmente declinando verso una situazione di crisi sociale. Il rinnovo del ccnl vale come un segnale che è giunto al termine di un confronto aperto, equilibrato e rispettoso delle vicendevoli posizioni che ha proposto un testo capace di disciplinare in termini più efficaci e aderenti al contesto attuale il settore sociosanitario e socioassistenziale che sono stati in prima linea, e continuano ad esserlo, nella difficile battaglia contro la crisi del Covid".


"Il sindacato è consapevole delle difficoltà e delle esigenze di crescita che caratterizzano il settore in questo difficile momento - dichiarano Angelo Raffaele Margiotta, segretario generale Confsal, e Bruno Mariani, segretario generale della Fesica Confsal - esprimendo nel contempo la convinzione che il contratto collettivo nazionale di lavoro sottoscritto con Sistema Imprese e Sistemacoop possa rappresentare una risposta adeguata, oltre che dovuta, alle istanze e aspettative dei lavoratori impegnati nel delicato compito dei servizi alla persona". Il ccnl disciplina i rapporti di lavoro posti in essere dalle cooperative, consorzi e società consortili operanti nel settore sociosanitario, assistenziale, educativo e di inserimento lavorativo. È stato integrato il campo di applicazione con l'aggiunta dei servizi educativi per l'infanzia. Il ccnl decorre dal 1° novembre 2020, la durata è fissata fino al 31 ottobre 2023.


Il rinnovo evidenzia alcuni punti di forza che sono da intendere quali migliorie elaborate anche nella prospettiva di rispondere con più efficacia alla crisi indotta dalla pandemia. Si è intervenuti sull'articolato relativo ai diritti sindacali, sono state implementate le procedure e i diritti di informazione e consultazione sindacale e si è inoltre intervenuti sul numero dei dirigenti per le rappresentanze sindacali territoriali. Sono state implementate le mansioni riferite al livello D con la mansione di servizi di istruzione, formazione e di inserimento lavorativo. Sono stati inseriti rimandi alla contrattazione di secondo livello per normare particolari tipologie di orario di lavoro. È stata ridefinita la normativa contrattuale relativa al lavoro a tempo determinato, regolamentandone i limiti di utilizzo.


Sono stati ridefiniti anche i limiti massimi di utilizzo del lavoro somministrato. Sempre in tema di tipologia di rapporto di lavoro, è stata inserita la regolamentazione sia del telelavoro che del lavoro agile definendone tutti gli aspetti caratteristici. Con riferimento al preavviso, è stata introdotto il 'preavviso attivo', che indica un periodo caratterizzato da una condotta proattiva del datore di lavoro attraverso lo svolgimento di percorsi formativi nell'ottica di contribuire al ricollocamento del lavoratore in uscita. Sempre in tema di svolgimento del rapporto di lavoro, è stata introdotta una normativa relativa ai cambi di gestione a tutela di quelle situazioni in cui si verificano cambi di appalto o cambi di titolarità nei rapporti di lavoro. In merito al trattamento economico, sono state adeguate le tabelle retributive con decorrenza 1 novembre 2020. Sono state inserite anche le indennità di funzione per l'affiancamento all'inserimento lavorativo. Le parti sociali hanno inoltre individuato il Fondo di assistenza sanitaria (F.as.s.) quale strumento di tutela e supporto in campo sanitario ai lavoratori del settore.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contratti, rinnovo per cooperative settore servizi alla persona

Today è in caricamento