Sabato, 5 Dicembre 2020

Coronavirus: chef La Mantia, 'pronto a consegnare chiavi ristorante a Conte'


Roma, 29 ott. (Labitalia) - "Se continuerà così, sarò costretto ad un gesto eclatante: porterò le chiavi del mio ristorante al premier Conte. Saprà certamente cosa farne". Così lo chef Filippo La Mantia, intervenendo alla trasmissione 'Diciottominuti-uno sguardo sull'attualità', in onda sul sito e sulle pagine social dei consulenti del lavoro, commenta gli effetti dei provvedimenti restrittivi del governo sulla sua attività ristorativa, con la chiusura dei ristoranti alle 18. "Premesso che la salute -ha spiegato La Mantia- è la prima cosa di cui tutti noi tutti dobbiamo disporre. Bene dunque utilizzare tutte le precauzioni: mascherine, sanificazione, accortezza nello svolgere il proprio lavoro. Ma oggi il lavoro del cuoco e del ristoratore, tra i più antichi mestieri che abbiamo, è stato depennato in maniera totale. Personalmente rimango incredulo di un procedimento di questo tipo. Quando si ferma un ristorante, si ferma anche tutta la catena degli approvvigionamenti", ha sottolineato.


E La Mantia ha rivendicato la bontà delle misure di sicurezza anti-contagio adottate dai ristoranti. "I ristoranti -ha sottolineato- sono luoghi sicuri, dove il contagio non avviene, anche perché abbiamo attuato tutti i protocolli di sicurezza con un grande dispendio di risorse economiche. Sarebbe stato preferibile chiudere tutto 24 h su 24 h e non includere i ristoratori nel comparto della movida e disporre la chiusura alle 18. Il mio ristorante fino a sabato scorso era frequentato da clienti ma nel rispetto delle disposizioni del governo e con i distanziamenti previsti. Abbiamo fatto degli sforzi e ora siamo costretti a chiudere alle 18", ha rimarcato ancora lo chef.


Chiusura anticipata ma non meno spese per i ristoratori. "Le spese rimangono. Pensi solamente alle spese di sanificazione del locale che noi facciamo due volte alla settimana. Avrei preferito -ha ribadito- la chiusura totale 24h su 24h e non includere il comparto della ristorazione in quella della movida disponendo la chiusura alle 18. Perché i ristoratori non fanno parte del comparto 'movida'. L’alternativa, dunque, era non aprire proprio. Almeno dentro di me avrei avuto meno rimorsi. Perché oggi, nonostante tutto, mi sento in dovere di rimanere aperto", ha concluso.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: chef La Mantia, 'pronto a consegnare chiavi ristorante a Conte'

Today è in caricamento