Domenica, 17 Ottobre 2021
Lavoro

Coronavirus: l'agricoltore, 'in questo momento non applicare regime de minimis'


Cosenza, 7 dic. (Labitalia) - "Il regime 'de minimis' in questo momento di pandemia mondiale non deve essere applicato, è chiaro che lo Stato oggi aiuta le imprese". E' l'appello alla politica e alle istituzioni che arriva da Mario Grillo, imprenditore agricolo calabrese, che sottolinea come "la burocrazia uccide l'economia, mortifica la politica stessa e rende incapaci chi tra i burocrati vuole fare qualcosa". Il regime 'de minimis' in agricoltura prevede un massimale di aiuti a un'azienda, che può arrivare a 25mila euro, e che non può essere derogato.


Ma, secondo Grillo, che conduce con i familiari sull'altopiano silano l'azienda agrituristica 'Fattoria Biò', la situazione eccezionale causata dalla pandemia impatta pesantemente sull'agricoltura e per questo motivo il regime de minimis non ha senso, ma "c'è bisogno di competenza e lucidità, prima di fare proclami confrontatevi con chi di agricoltura ci vive davvero".


E quindi, per questo motivo,, dice, "la prima riforma vera è la gestione dell'iter burocratico a tutti livelli". "Come si può ignorare -attacca ancora Grillo- la situazione attuale e lasciare gli aiuti di Stato che sono stati creati per una situazione normale. Oggi siamo alla guerra civile, ma non ci pensano?", si chiede ancora l'imprenditore. Una miopia, quella sul regime de minimis, che per Grillo è inaccettabile. "Ci sono aziende che hanno fatto investimenti per andare avanti e stare al passo con i tempi, e che hanno saturato il budget degli aiuti di Stato. Adesso si vedono escluse dagli aiuti, che senso ha adesso questo limite?", conclude Grillo.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: l'agricoltore, 'in questo momento non applicare regime de minimis'

Today è in caricamento