rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Lavoro

Costruzioni, Spaziani Testa (Confedilizia): "Su digitalizzazione pratiche c'è tanto da fare"

'Da ritardo danni a economia, per svolta digitale verificare quanto attuato, no a proclami'


Roma, 12 dic. (Adnkronos/Labitalia) - Sulla dematerializzazione e digitalizzazione delle pratiche edilizie "in Italia non c'è una situazione soddisfacente e c'è tanto da fare". Così, intervistato da Adnkronos/Labitalia, Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia, l'organizzazione storica dei proprietari di casa.


Secondo Spaziani Testa, in particolare, il ritardo del nostro Paese in questo ambito "è emerso con forza con lo scoppio della pandemia quando, con il lavoro a distanza dei dipendenti pubblici, in particolare di quelli comunali, si erano praticamente bloccate le pratiche edilizie e i lavori edilizi ad esse collegati". "E questo -continua Spaziani Testa- è stato denunciato da più parti. A riprova che senza la presenza fisica non si riusciva neanche ad avviare alcune pratiche. Quindi, questa è stata una prova lampante del ritardo e della necessità di cambiare le cose, per quanto possibile poi. In alcuni casi, in questo campo serve, infatti, la presenza fisica", sottolinea.


Per Spaziani Testa, il ritardo nella digitalizzazione e nella dematerializzazione nelle costruzioni "ha causato un danno all'economia, rallentando alcune misure chiave come il superbonus e altri bonus edilizi". E secondo il presidente di Confedilizia la via da seguire per arrivare alla svolta digitale nel settore è chiara. "Non parliamo di cifre -conclude Spaziani Testa- ma di sicuro servirebbe verificare che quanto previsto a livello nazionale in sede legislativa sia poi applicato e realizzato specie nell'ambito dei Comuni. Non bisogna accontentarsi dei grandi proclami, ma bisogna verificare quanto poi viene attuato a livello comunale".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costruzioni, Spaziani Testa (Confedilizia): "Su digitalizzazione pratiche c'è tanto da fare"

Today è in caricamento