Giovedì, 4 Marzo 2021

Eunavfor Med Irini, al via forum su sfide macroeconomiche nel Mediterraneo

Eunavfor Med Irini, al via forum su sfide macroeconomiche nel Mediterraneo

Roma, 23 nov. (Labitalia) - Dal 26 al 27 novembre 2020 Eunavfor med Irini, in video-teleconferenza, ospiterà la nona edizione della conferenza Shade med-shared awareness and de-confliction for the mediterranean sea. Shade med è un forum in cui rappresentanti di diverse nazioni e organizzazioni possono incontrarsi per discutere e relazionarsi su azioni politiche relative al Mediterraneo allargato. Tra le organizzazioni si annoverano le forze armate e guardie costiere degli Stati che si affacciano sul Mediterraneo, le istituzioni internazionali come le Nazioni Unite, la Nato, l'Unione europea e le ong così come rappresentanti dei governi interessati.


Shade med si pone l'obiettivo di contribuire al coordinamento e alla sincronizzazione delle risorse in campo, siano esse militari, civili, industriali, politiche e umanitarie in modo da raggiungere la massima efficacia con il fine ultimo di aumentare la sicurezza e la stabilità nel Mediterraneo. Il tema della conferenza di quest'anno è 'Challenges for cooperation in the Mediterranean after the global pandemic'. Il primo panel intitolato 'The mediterranean region in 2020: a historical arena connecting three continents, and their population, striving for stability' sarà dedicato all'analisi di questo straordinario patrimonio marino cerniera tra diversi continenti, persone e culture, con le sue sfide e opportunità per la sicurezza e la stabilità.


Il secondo panel 'The development of the blue economy of the Mediterranean is an inestimable possibility to solve many of the challenges and to improve the livelihood of the Mediterranean communities', invece, affronterà le nuove sfide, soprattutto quelle dovute alla pandemia da Covid-19, che l'intera regione del Mediterraneo dovrà affrontare nel prossimo futuro, con particolare attenzione all'aspetto macroeconomico. L'edizione 2020 dello Shade Med può contare in particolare sul supporto finanziario di Belgio e Grecia.


Irini (in greco pace) è un'operazione europea per rendere efficace l'embargo armi in Libia voluto dall'Onu per ristabilire le condizioni di pace e sicurezza nel Paese nord-africano. Inoltre, come compiti secondari, Irini monitora il traffico illegale di petrolio e suoi derivati dalla Libia e contribuisce al contrasto del traffico di esseri umani.


"Teniamo molto - dice all'Adnkronos/Labitalia l'ammiraglio Fabio Agostini, operation commander dell'operazione Eunaformed Irini - a questo appuntamento di riflessione e approfondimento internazionale che quest'anno per via della pandemia si svolgerà in tele-videocoferenza dal quartier generale della missione a Roma. Avremo ospiti che si collegheranno da tutta Europa e non solo. Saranno due giorni di scambi di idee e progetti su come affrontare il periodo attuale e quello che seguirà la pandemia a livello economico, sociale e strutturale nell'area mediterranea. L'intera regione ha bisogno di visione, di immaginare un futuro prossimo fatto di prospettive, scambi economici e idee che portino benessere e pace a tutti i Paesi della regione".


"Serve all'Italia - sottolinea - all'Europa, serve alla Libia e all'Africa. Siamo ottimisti perché sappiamo che il potenziale che il Mediterraneo racchiude in sé è alto e attraverso questa conferenza cerchiamo di dare un contributo di idee per forgiare azioni concrete".




Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eunavfor Med Irini, al via forum su sfide macroeconomiche nel Mediterraneo

Today è in caricamento