Martedì, 13 Aprile 2021

Fase 2: Cida, Italia non è paese low cost, investire in qualità lavoro


Roma, 4 giu. (Labitalia) - "Il nostro non è un Paese low cost e non può certo basare la sua 'ripartenza' sul lavoro sottopagato o precario. La priorità è il lavoro di qualità, che significa competenze e istruzione che vanno adeguatamente remunerate. Per far questo occorrono risorse e come Cida chiediamo di investire una parte delle ingenti risorse che il governo sta mettendo in campo per risollevarci dalla pesante recessione, proprio per migliorare la qualità del lavoro e non limitarsi a politiche passive del lavoro e di assistenza, pur necessarie". Lo ha detto Mario Mantovani, presidente di Cida, la confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, in un colloquio con Unitelma Sapienza, l'università telematica dell'Università degli Studi di Roma.


"Destinare risorse - ha spiegato - alla qualità del lavoro, è una forma di investimento per le imprese, alla stregua di nuovi macchinari o di nuove sedi: occorre investire sulle persone. Non possiamo accontentarci delle nostre eccellenze nell'industria, nella moda, nella ricerca, nell'agroalimentare, delle nicchie produttive che pur ci sono, funzionano e ci danno visibilità internazionale".


"Occorre alzare - ha aggiunto - il livello medio del lavoro. Non va dimenticato che chi ha un lavoro qualificato e ben remunerato a sua volta genera lavoro nei servizi, nel commercio, nel turismo. Dobbiamo avere il coraggio di fare queste scelte".


"Sempre in tema di ripartenza - ha proseguito il presidente di Cida - va fatto tesoro dell'esperienza vissuta durante il lockdown. I settori caratterizzati da contratti collettivi che prevedono misure di welfare e le aziende che hanno scelto queste forme contrattuali (prestazioni previdenziali, sanitarie, o destinate alla formazione), hanno reagito meglio alla crisi pandemica".


"Una risposta più efficace - in termini di minore preoccupazione dei lavoratori, di riduzione del ricorso alla sanità pubblica e di maggiori risorse per fronteggiare le discontinuità occupazionali. Insomma, un sistema, quello del welfare aziendale, che svolge una funzione pubblica anche se è essenzialmente di natura privata".


Quindi "è riduttivo valutarlo alla stregua di un semplice alleggerimento del cuneo fiscale o di un benefit. Cida porrà questa problematica nei tavoli di lavoro con il governo in tema di riforma fiscale che ci auguriamo vengano al più presto convocati".


Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 2: Cida, Italia non è paese low cost, investire in qualità lavoro

Today è in caricamento