rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Lavoro

Fase 3: visuristi, futuro categoria incerto se governo non prende provvedimenti


Roma, 8 giu. (Labitalia) - "A tutela del futuro della nostra categoria ho scritto, in rappresentanza della nostra associazione, una lettera indirizzata al premier Giuseppe Conte, al ministro dell?Economia e delle finanze Roberto Gualtieri, al direttore generale dell?Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, al direttore generale dell?Agenzia delle Entrate divisione Servizi Paolo Savini e al responsabile centrale servizi Catastali, cartografici e di pubblicità immobiliare Marco Selleri per manifestare le difficoltà che stanno attraversando i visuristi a causa dell?emergenza Covid19 con le relative chiusure degli uffici di nostra pertinenza". Lo ha dichiarato in una nota Mario Bulgheroni, presidente di Avi, Associazione professionale esperti visuristi italiani e presidente di Confassociazioni imprese e consumatori.


?Una categoria la nostra - ha proseguito Bulgheroni - direttamente o trasversalmente legata al settore delle esecuzioni immobiliari e fallimentari (siamo ausiliari dei giudici), bancario, immobiliare, legale e notarile per cui in mancanza di provvedimenti seri, quale il disporre, in maniera adeguata, l?apertura dei relativi uffici provinciali dell?Agenzia così da permettere a noi visuristi l?accesso alla consultazione dei registri immobiliari e al catasto, non abbiamo un futuro roseo, anzi soffriremo di un grave ed irrecuperabile default economico che si riverserà su altri settori, in primis quello immobiliare".


"Nella missiva - ha ricordato - ho sottolineato proprio la non uniformità dei comportamenti dei vari uffici pubblici, in particolar modo quelli degli uffici delle conservatorie e del catasto gestiti dai singoli direttori provinciali che, avendo adottato durante questo periodo di grave emergenza sanitaria iniziative disomogenee tra le varie province, hanno reso impossibile all?associazione richiedere un coordinamento. A tutto ciò si aggiunge, per le stesse problematiche, il difficile raggiungimento anche degli uffici centrali".


"La nostra richiesta - ha sottolineato - non è l?ottenere un contributo economico ma il ripristino delle condizioni per poter lavorare, ovvero l?apertura omogenea sul territorio nazionale degli Uffici territoriali in tempi stretti e con orari adeguati. Anche se semplice e forse banale una linea guida unica per il territorio nazionale, relativa alle aperture, potrebbe aiutare non solo gli stessi uffici (che avranno orari uguali sul territorio nazionale) e noi professionisti del settore (che potremmo lavorare in maniera adeguata) ma anche tutti coloro che necessitano delle nostre competenze".


"Siamo ben consapevoli - ha ammesso - di quanto c?è da fare per ripristinare le aree ad uso pubblico ma sanificazione, gestione degli spazi per evitare assembramenti, organizzazione del lavoro, è un compito al quale tutti noi, per dovere verso gli altri e diritto verso la nostra persona, siamo chiamati a svolgere. Per questo riteniamo giusto che anche tutti gli uffici provinciali si impegnino ad aprire gli spazi organizzati, sanificati e con adeguati orari di accesso".


?Con tali suggerimenti - ha ribadito Bulgherioni - non vogliamo certo avere l?arroganza di aver presentato immediatamente la soluzione vincente, anzi siamo consapevoli che le nostre sono solo suggestioni tecniche. Ovviamente se gli organi istituzionali, e in particolar modo, l?Agenzia delle Entrate, riuscissero ad individuare un?altra modalità di legittima e più facile operatività ne saremmo felici. Essenziale che la problematica sia affrontata con estrema urgenza al fine di consentire la continuità di servizi essenziali per la società e la sopravvivenza di un settore professionale".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 3: visuristi, futuro categoria incerto se governo non prende provvedimenti

Today è in caricamento