rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Lavoro

Federlegno, terzo trimestre 2022 in rallentamento ma per chiusura anno stime positive

Feltrin: "Accompagnare imprese nel cammino sostenibilità"


Roma, 5 dic. (Adnkronos) - Dopo il +24,5% registrato dalla filiera legno-arredo nel primo trimestre 2022, e il +22,2% del primo semestre 2022, il valore delle vendite della filiera è sceso a +17,7% nel periodo gennaio-settembre 2022. Questi i dati del Monitor L-A elaborato dal Centro Studi di FederlegnoArredo.


Numeri, spiega una nota, che evidenziano come il rallentamento, seppur in un quadro complessivamente positivo, ha iniziato a farsi sentire nel secondo trimestre 2022 e si è confermato anche nel terzo, lasciando intravedere che anche il finale d?anno andrà in questa direzione . Le stime però sul complesso dei dodici mesi "potrebbero ipotizzare una chiusura a doppia cifra pari al +12%".


L?export della filiera, che rappresenta il 41% del totale, ha registrato a settembre 2022 un +14% sul 2021 (era +16,3% nei primi sei mesi 2022) con un valore pari a circa 3,2 miliardi di euro, mentre il mercato italiano, che rappresenta il 59% - segna un +20,5% (era +26,7% nei primi sei mesi) con un valore di 4,7 miliardi di euro.


?Leggendo i dati del nostro Monitor, purtroppo, si conferma quanto avevamo detto e previsto nei mesi precedenti. I segnali di rallentamento c?erano e ci sono ancora e l?incertezza dello scenario geopolitico ed economico ci costringe ad essere estremamente prudenti, pur salutando con favore la chiusura d?anno con un segno positivo e che potrebbe chiudersi a doppia cifra", commenta Claudio Feltrin presidente di FederlegnoArredo.


Un risultato "tutt?altro che scontato" che va però letto, aggiunge "alla luce dell?effetto, ancora rilevante, dell?aumento dei prezzi delle materie prime". Se stiamo infatti assistendo a una diminuzione del costo dell?energia, che impatta positivamente sulle produzioni particolarmente energivore come i pannelli, "al momento sono deboli - continua Feltrin- i segnali di una diminuzione dei costi delle materie prime che vanno a comporre i nostri prodotti finali. La plastica registra a ottobre su settembre un -1,6%, l?alluminio un -1,3% e il rame -1,5%. Ancora troppo poco per poter dire che la tanta auspicata inversione di rotta è alle porte?.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Federlegno, terzo trimestre 2022 in rallentamento ma per chiusura anno stime positive

Today è in caricamento