Domenica, 11 Aprile 2021

Il coworking in Italia entro 2024 sarà scelto da 38% lavoratori

Analisi dell'Osservatorio di e-work

Il coworking in Italia entro 2024 sarà scelto da 38% lavoratori

Roma, 8 mar. (Labitalia) - Ufficio tradizionale, addio. O quasi. Secondo l'Osservatorio di e-work, agenzia per il lavoro leader in Italia, nel nostro Paese entro il 2024 il coworking, ovvero l'ufficio condiviso, sarà scelto dal 38% dei lavoratori. Cresceranno, quindi, sempre più i luoghi di lavoro flessibili, a basso costo ma dotati di tutti i comfort e in grado di stimolare creatività e networking professionale. Ad oggi, in Italia, esistono 360 spazi di coworking, distribuiti soprattutto al Centro-Nord. Milano è la città che registra la più alta presenza di uffici condivisi, con ben 68 coworking. Il costo medio giornaliero per una postazione di lavoro è di 30 euro e quello mensile di 280 euro. Il 53% dei lavoratori che scelgono questa formula è costituito da freelance, il 39% piccoli imprenditori e l'8% dipendenti di aziende private.


Il 58% dei coworkers è rappresentato da uomini e il 42% donne. L'età media è di 31 anni. L'85% dei coworkers preferisce lavorare in uffici condivisi di piccole dimensioni, con meno di 15 scrivanie. Tra i servizi più richiesti ci sono: Internet, stampanti, sale riunioni e punto ristorazione. Nel 2016 e-work ha creato 'e-workafè', un coworking che oggi conta 7 sedi su tutto il territorio nazionale. I primi e-workafè sono stati aperti a Milano e a Pordenone. Nel 2017 ci sono state nuove aperture a Parma, Cremona e Busto Arsizio (VA). Nel 2018, sono stati aperti due e-workafè a Venezia e Faenza (RA). Quest'anno nuovi e-workafè saranno inaugurati a Roma e a Bergamo.


"Il coworking - afferma Paolo Ferrario, presidente e amministratore delegato di e-work - si basa sul principio della condivisione: condivisione non solo di spazi ma soprattutto di idee, progetti e iniziative. L'obiettivo del coworking è quello di espandere il proprio network professionale, incontrare potenziali clienti e creare opportunità. Sicuramente più movimentata rispetto a un ufficio tradizionale, questa soluzione è perfetta per chi cerca non solo un luogo di lavoro, ma anche un'offerta di servizi complementari. Nei nostri e-workafè offriamo, oltre al servizio ristorazione, sale per riunioni, incontri di formazione, Wi-Fi gratuito, tablet a disposizione e anche un servizio di book crossing. E' inoltre possibile consultare tutte le opportunità professionali offerte da e-work e candidarsi direttamente consegnando il proprio cv".


Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coworking in Italia entro 2024 sarà scelto da 38% lavoratori

Today è in caricamento