Venerdì, 14 Maggio 2021

Imprese: Amorim Cork Italia, bilancio 2020 regge a impatto pandemia


Roma, 3 mar. (Labitalia) - Il sughero è un prezioso alleato per la speranza verso il futuro. Con alle spalle un anno in cui la fiducia è stata messa a dura prova, Amorim Cork Italia ha deciso di investire su tecnologia e positività, per farsi trovare pronta quando tutto sarà passato. Nascono da questa prospettiva e da ben 585 milioni di tappi venduti le considerazioni sul bilancio di un anno difficile come il 2020. L'impatto non è mancato, i dati parlano di -9% fatturato e -4,2% in volume di produzione: "Comunque un'isola felice - afferma l'ad di Amorim Cork Italia, Carlos Veloso dos Santos - quando paragoniamo il nostro settore ad altri. Per noi è stata leggera anche la decrescita: 600, nel dettaglio, i nostri clienti di piccola dimensione che non hanno imbottigliato, questo vuol dire che siamo riusciti a generare tanti nuovi clienti".


L'azienda leader di produzione e distribuzione di tappi in sughero (e dalla fine dell'anno anche di quelli in vetro Vinolok), non ha mai fermato la produzione e non ha mai fatto un giorno di cassa integrazione, neanche durante il lockdown generale di aprile 2020. Il segreto è stato mettere in sicurezza le proprie risorse umane, tanto da non aver avuto alcun caso di contagi nei 3 screening tampone fatti ai collaboratori, e aver implementato il rapporto digitale con i propri clienti.


"Abbiamo cercato di rafforzare le relazioni con loro - dichiara Carlos Veloso dos Santos - e l'impegno in termini di consulenza e supporto è stato costante. Ora, la fiducia nel 2021 è alta, con la speranza che la primavera porti un quadro gradualmente migliore grazie alla vaccinazione della maggiore parte delle persone a rischio, che aiuterà ad allentare la pressione sulle strutture ospedaliere".


L'impatto nell'anno a livello di performance rimane sicuramente importante. Amorim Cork Italia, per dimensioni e volume di vendita, è il riflesso del mercato e se i ristoranti e bar vengono chiusi i clienti orientati verso il canale HoReCa (Hotel, Ristoranti, Catering) non hanno lavorato, oppure hanno lavorato molto meno. Sono circa 600, poi, nel dettaglio, i clienti di Amorim Cork Italia di piccola dimensione che non hanno imbottigliato, mentre la Gdo (Grande distribuzione organizzata) è divenuta punto di riferimento e questo ha innegabilmente supportato il settore. Un altro valore di rilievo è la minore vendita di spumanti, mancando le occasioni conviviali e le celebrazioni, come vivere i recenti Natale e Capodanno in lockdown.


Per il 2021 l'intenzione è di recuperare i volumi persi e crescere leggermente in relazione al 2019. A far da traino sicuramente anche le due nuove e avanguardistiche tecnologie che allargano il portfolio prodotti e, se possibile, la perfezione sensoriale delle chiusure Amorim: XPÜR, processo che sfrutta la CO2 nello stato supercritico per attraversare il sughero con un'estrazione spinta ma sempre in equilibrio con i concetti di purezza e naturalezza e Naturity processo interamente naturale che separa e rimuove il Tca e altri composti di deviazioni sensoriali dai tappi grazie a una combinazione unica di tempi, pressione, temperatura e acqua puri?cata.


Anche in termini di sostenibilità il terreno è già fertile per il 2021: il progetto Suber ha vinto il bando della Regione Veneto per creare il Museo d'impresa sostenibile, che prevede anche la visita virtuale degli stabilimenti. È già stato avviato un percorso formativo per lo staff che si occuperà di gestire il Museo di impresa, dove si andrà a valorizzare l'immagine del sughero, il tema del riciclo e la visione dell'azienda stessa, di cui si parlerà attraverso gli oggetti di design, ovvero prodotti inattesi rispetto alla normale produzione di tappi per packaging di valore.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprese: Amorim Cork Italia, bilancio 2020 regge a impatto pandemia

Today è in caricamento