Lavoro: Anief, con Cesi per lanciare progetto su precariato

A Palermo il 19 e il 20 settembre


Palermo, 5 set. (Labitalia) - Si terrà a Palermo il prossimo appuntamento della Cesi Accademia Europa, nel corso del quale sarà lanciato il progetto sul tema 'Lavoro precario - dotare i sindacati delle capacità necessarie per raccogliere nuove sfide' #endprecariouswork. L’evento avrà luogo all'Astoria Palace Hotel, il 19 e il 20 settembre. Durante le due giornate sarà analizzata la situazione del precariato all’interno di diversi settori e Stati membri dell’Unione europea. Il lavoro precario è una minaccia per le singole persone e per l’economia del Vecchio continente: questo quanto emerso lo scorso 5 marzo in occasione dell’incontro di avvio del progetto finanziato dall'Ue.


Con il sostegno della Commissione europea, la Cesi (Confederazione europea dei sindacati indipendenti) si concentrerà su modalità per far fronte al precariato, includendo casi del settore pubblico, a cominciare dalla scuola, al fine di affrontare le problematiche espresse dalle sue organizzazioni affiliate: attraverso il progetto si mira a verificare le cause di fondo del precariato e a evidenziare possibili interventi nazionali e comunitari, con riferimento alle prassi adottate dalle corti, dai legislatori, dalle istituzioni e dai sindacati. La conferenza di apertura del progetto #endprecariouswork, a Palermo, farà il punto della situazione sul lavoro precario (cause profonde, tendenze, lacune legislative e di sistema), per discutere e proporre rimedi efficaci in modo da permettere condizioni di lavoro eque e l'accesso ai diritti sociali. Ci si concentrerà sul quadro legislativo a livello nazionale e dell'Ue, le migliori pratiche attuative, le criticità di una efficiente rappresentanza di interessi e l'accesso inclusivo alla protezione sociale. L'evento sarà moderato da Pierre Baussand, direttore dell'ufficio di Bruxelles di Eurofound.


"Attendiamo gli amici che fanno capo alla Cesi - dichiara il padrone di casa della due giorni palermitana, Marcello Pacifico, presidente Anief e vicepresidente Accademia europea della Cesi - per ragionare assieme sulle risposte da dare all’emergenza globale del precariato". Uno dei punti di forza di Anief, sindacato rappresentativo della scuola, è proprio la lotta al precariato indiscriminato per docenti e Ata, politica che lo Stato italiano porta avanti sistematicamente, tanto che per ragioni di pareggio di bilancio in questi vent'anni ha violato il diritto di migliaia di lavoratori precari. Lo scorso marzo, nel precedente impegno in ambito Cesi, Pacifico ha auspicato un'inchiesta sull'applicazione del diritto dell'Ue negli Stati membri e che la Commissione decida sulla procedura d’infrazione 4231/14 contro lo Stato italiano. "Il nostro compito - spiega - è mettere in pratica l’idea che per fare economia non si possa prescindere dal lavoro a tempo indeterminato, arricchito da tutele. E che non si debba discriminare il lavoro precario rispetto a quello di ruolo. Non è la durata, ma la qualità a fare la differenza".


Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stop a metastasi, sonda intercetta cellule più aggressive

  • Alimentazione: Berrino contro Panzironi, 'non usi la mia immagine'

  • Farmaci: nuovo anticorpo monoclonale per l'emicrania

  • Arriva l'esoscheletro MATE, riduce la fatica di chi lavora con le braccia alzate

Torna su
Today è in caricamento