Libano: Lastrucci (Powersoft), 'mercato importante per nostri prodotti'

Paese caratterizzato da un’economia di mercato libera, come quella a cui siamo abituati in Occidente e ritengo abbia ancora opportunità di crescita importanti

Libano: Lastrucci (Powersoft), 'mercato importante per nostri prodotti'

Roma, 6 ago. (Labitalia) - "La nostra esperienza in Libano è positiva. Il Libano rappresenta un mercato potenzialmente importante per i nostri prodotti che vengono utilizzati in ambienti dove l’audio di qualità è un requisito, come stadi, palazzetti dello sport, parchi a tema, teatri, aeroporti, centri congressuali, oltre ad essere utilizzati dalle maggiori aziende mondiali che si occupano di touring per eventi dal vivo". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Luca Lastrucci, amministratore delegato di Powersoft società italiana con sede a Scandicci (Firenze), leader tecnologico a livello mondiale negli amplificatori compatti energicamente efficienti e di alta potenza per il settore audio professionale e quotata su Aim Italia e presente in Libano da vari anni con i propri prodotti.


"Gli operatori del settore libanesi - spiega - hanno sempre dimostrato di apprezzare la qualità dei prodotti e l’innovazione, ambiti dove Powersoft, come molte aziende italiane, eccelle".


"Il Libano - continua Lastrucci - è un Paese caratterizzato da un’economia di mercato libera, come quella a cui siamo abituati in Occidente e ritengo abbia ancora opportunità di crescita importanti. Altro aspetto da sottolineare è che i lavoratori libanesi hanno un livello di formazione elevato, con caratura internazionale, grazie a scuole di formazione preparate e a un contesto multiculturale e multilingue".


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità

  • Ricerca: scoperto nell'ambra spermatozoo più vecchio del mondo

  • Pregliasco: "In arrivo 100mila casi simil-influenza, creeranno allarme Covid"

  • Covid, vaccino spray: in arrivo il test

  • Da small a smart, Guardia Sanframondi pioniera del south-working

Torna su
Today è in caricamento