Mercoledì, 28 Luglio 2021
Lavoro

Migranti: con progetto Mep inclusione lavorativa per 48 rifugiati

Realizzato da Fondazione Adecco per le pari opportunità con il supporto di Unhcr


Roma, 17 dic. (Labitalia) - Permettere l'inclusione lavorativa di 48 rifugiati fra cui 27 donne in situazione di vulnerabilità. E' uno dei risultati raggiunti dal progetto 'Mep - Modelling employability process for refugees', realizzato da Fondazione Adecco per le pari opportunità con il supporto di Unhcr, l'agenzia Onu per i rifugiati, e presentati oggi a Roma. Grazie a Mep sono stati inoltre formati su metodologie innovative di supporto all'inserimento lavorativo dei rifugiati 21 operatori dei progetti di accoglienza della rete 'Siproimi'. Dieci sono state le aziende coinvolte che in questa fase iniziale hanno incluso i beneficiari nelle loro strutture.


Il progetto Mep mira alla creazione di un modello di inclusione che coinvolga rifugiati, aziende e operatori dell'accoglienza, i quali sono stati formati per valorizzare le esperienze pregresse dei rifugiati e ad associarvi opportunità lavorative coerenti. Inoltre, Mep ha permesso la creazione di un dialogo continuo ed efficace fra le aziende e i progetti 'Siproimi' e attraverso il loro coinvolgimento ha agevolato la mobilità sul territorio nazionale dei rifugiati, favorendone l'occupabilità.


Attraverso la formazione e i percorsi di orientamento al mondo del lavoro sia in forma individuale che di gruppo, i titolari di protezione internazionale hanno potuto valorizzare le proprie competenze, comprendendo quali fossero quelle spendibili nel mercato del lavoro.


"Mep -dichiara Francesco Reale, segretario generale di Fondazione Adecco per le Pari Opportunità- nasce dalla consapevolezza che molto spesso le competenze pregresse e i percorsi di studi, non solo non vengono riconosciuti, ma sono di difficile interpretazione nel contesto formativo e professionale italiano. Determinante, inoltre, l'importanza della formazione per gli operatori dell'accoglienza che attraverso un adeguato orientamento riescono a essere più incisivi nelle pratiche di inserimento professionale dei rifugiati affidati loro".


"Il valore aggiunto della partnership tra Fondazione Adecco e Unhcr si è realizzato proprio nella possibilità di creare, attraverso la collaborazione con i progetti Siproimi e delle numerose aziende sul territorio nazionale, delle reali occasioni di inserimento", continua. "Il lavoro rappresenta un passaggio essenziale per realizzare un'inclusione efficace dei rifugiati, non solo perché garantisce loro l'autonomia socio-economica, ma anche perché rappresenta lo strumento principale per una reale partecipazione nella vita sociale della comunità che li accoglie", sottolinea Riccardo Clerici, legal officer di Unhcr.


"Per queste ragioni, l'Unhcr ha sostenuto e continuerà a sostenere progetti come Mep, che rispetto al tema dell'inclusione lavorativa hanno l'ambizioso obiettivo di promuovere metodologie innovative e rafforzare le competenze degli operatori del sistema di accoglienza", spiega. Nel corso dell'evento, quattro rifugiati protagonisti del progetto hanno raccontato la propria storia, mentre in platea era presente Khaled che ha ispirato la progettazione di Mep e che oggi lavora in una multinazionale del settore chimico farmaceutico.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti: con progetto Mep inclusione lavorativa per 48 rifugiati

Today è in caricamento