rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Lavoro

Nasce Auralis, nuovo polo integrato della luce

Realtà industriale italiana guidata da Andrea Citterio


Roma, 17 nov. (Adnkronos/Labitalia) - "Oggi nasce Auralis, il primo polo industriale integrato nell'ambito dell'illuminazione, che definisce il futuro dell'intero settore della luce". A dichiararlo è Andrea Citterio, Ceo del nuovo Gruppo che controlla le aziende Penta, specializzata nel design contemporaneo, Castaldi, che propone sistemi tecnico-architetturali per l'indoor e l'outdoor, Arredoluce, che riedita i lavori di grandi maestri come Gio Ponti, Castiglioni e Angelo Lelii.


Avviato nel 2015 con l'acquisizione di Penta da parte di Andrea Citterio, il progetto di aggregazione è proseguito nel 2018 con l'aggiunta dello storico marchio Arredoluce e nel 2020 con l'entrata di Castaldi. Gli sforzi compiuti nella configurazione di questo polo si traducono in un fatturato consolidato che si aggira intorno ai 20 milioni di euro e nell'ammissione di Auralis in Elite, il private market del Gruppo Borsa Italiana oggi parte di Euronext, che ha come prospettiva il progetto di quotazione in Piazza Affari nell'arco dei prossimi tre anni.


"Con queste tre aziende siamo in grado di soddisfare ogni genere di esigenza di illuminazione, che si tratti di soluzioni tecniche per indoor oppure outdoor, di progetti per il residenziale o per il contract, di collezioni di design contemporaneo o nell'ambito dei grandi classici. A identificare questo sistema aperto e multiespressivo è il payoff Limitless Lighting con cui comunichiamo l'identità del Corporate brand", continua Andrea Citterio.


Sotto la capogruppo Auralis, Penta, Castaldi e Arredoluce restano tre società indipendenti, ognuna con la propria identità, segmento di mercato, manager di riferimento, ma in una logica di sinergie sono state ridisegnate e raggruppate le funzioni relative al centro Ricerca & Sviluppo e all'ufficio tecnico, con l'obiettivo di rendere permeabili i confini fra le aziende. Tale organizzazione prende forma nella visione del Ceo Andrea Citterio. Oltre all'headquarter di Meda, Auralis è attiva nell'area di Varese e in Veneto con la produzione di sistemi d'illuminazione outdoor. La rete retail si sviluppa su 95 paesi grazie anche alle filiali di Miami e di Singapore, alle sedi di Londra e Germania.


Con un'evidente propensione a interpretare le necessità degli utenti e una forte attitudine all'innovazione, il gruppo investe anche in start up attive nell'IoT (Internet of Things) nell'ambito delle smart city e dello smart building, oltre ad aver definito un piano di sostenibilità che riguarda le scelte relative al packaging, l'utilizzo di veicoli elettrici e una graduale transizione verso l'impiego di fonti rinnovabili per l'alimentazione energetica delle sue sedi.


"Con Auralis abbiamo disegnato una realtà industriale unica, perché verticale e completa, che definisce una nuova era del settore illuminotecnico. Seppur guidati da una forte propensione all'innovazione tecnologica, cerchiamo costantemente di valorizzare l'estetica delle nostre collezioni e farci promotori della cultura della luce come strumento per migliorare la qualità della vita delle persone. Dalla luce tutto ha inizio; con la luce l'uomo scandisce il suo tempo e trasforma il suo spazio. Il nome Auralis nasce dalla contrazione delle parole aurora e borealis, per racchiude in sé il concetto di un nuovo inizio", conclude Andrea Citterio.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce Auralis, nuovo polo integrato della luce

Today è in caricamento