rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Lavoro

Pensioni: Brambilla, 'riscatto laurea utile per contributi, non per anticipo età'

L'esperto: "persiste frattura tra giovani e anziani, occorre unificare sistemi regole pensionistiche"


Roma, 29 ago. (Labitalia) - "Il riscatto agevolato degli anni di studio legati al conseguimento della laurea è senz'altro utile per anticipare l'anzianità contributiva necessaria per il pensionamento, ma non serve per anticipare l'età di pensione". Così, con Adnkronos/Labitalia, Alberto Brambilla, presidente del Centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali e docente universitario, commenta il boom di richieste di riscatto degli anni di laurea nei primi mesi del 2019.


"La norma che ha introdotto il riscatto agevolato -prosegue il professore- è pensata solo e soltanto per coloro che andranno in pensione con cosiddetto 'contributivo puro' ossia quelli che al gennaio 1996 ancora non avevano versato contributi. Ma proprio questa categoria, a cui si rivolge il dl 4/2019, ha regole di pensionamento diverse rispetto al resto dei lavoratori. E questo riproduce ancora una volta una frattura fra giovani e anziani nel nostro sistema previdenziale".


Per capire bene dove origina la frattura, evidenzia Brambilla, bisogna fare un passo indietro e ricordare appunto le regole per i cosiddetti 'contributivi puri'. "Questa tipologia di lavoratori, che sono per lo più giovani o al massimo quarantenni, può lasciare il lavoro con una pensione anticipata -spiega il professore- con 64 anni di età e due mesi, 20 anni di contributi e un assegno che arrivi ad almeno 2,8 volte il minimo, ossia almeno 1.300 euro. Oppure può andare in pensione con 67 anni di età, 20 di contributi e un assegno pari ad almeno 1,5 volte il minimo ossia circa 680 euro".


"In entrambi i casi -prosegue Brambilla- visto il momento che dura ormai da diversi anni, non felicissimo per l'occupazione dei giovani e ancor più per gli stipendi che non sono certo elevatissimi, sarà difficile che i 'contributivi puri' possano andare in pensione a 64 o a 67 anni, come invece potrà fare più agevolmente chi andrà in pensione col contributivo misto, che prevede la pensione anticipata a 42 anni e 10 mesi di contributi per i maschi (1 anno in meno per le donne) indipendentemente dall'età anagrafica".


Insomma, puntare sul riscatto di laurea per anticipare l'età della pensione non serve, spiega Brambilla: "E questo è sbagliato. Bisognerebbe invece -sottolinea il professore- unificare le regole, uniformare i due sistemi anche perché se uno si paga i contributi non c'è un problema di sostenibilità economica".


"Il governo che arriverà, se arriverà, dovrà mettere mano anche a questa norma -conclude Brambilla- e renderla più equa verso i giovani che adesso lavorano e che rischiano di dover aspettare fino ai 75 anni, come giustamente aveva fatto notare l'ex presidente dell'Inps, Tito Boeri, per andare in pensione".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni: Brambilla, 'riscatto laurea utile per contributi, non per anticipo età'

Today è in caricamento