Martedì, 20 Aprile 2021

Rdc: Loy (Civ Inps), 'servono dati più chiari su percettori'


Milano, 21 giu. (Labitalia) - (dall'inviato Fabio Paluccio) - "E' una cosa nobilissima cercare di raggiungere chi non ha fatto la domanda per il reddito di cittadinanza, ma io mi focalizzerei più sulla qualità di queste domande e abbiamo chiesto al professor Tridico di avere dati più chiari. E cioè da dove vengono queste persone, non solo intendendo la destinazione geografica, ma se vengono da un periodo di disoccupazione, se non hanno mai lavorato, se non sono stati licenziati, e così via. La qualità delle persone indica le caratteristiche di un processo che va analizzato". Così Guglielmo, Loy, presidente del Civ Inps, conversando con Adnkronos/Labitalia a margine del Festival del lavoro a Milano, sul bilancio sul reddito di cittadinanza tracciato ieri dal presidente dell'Istituto Tridico proprio al Festival.


Secondo Loy, "ci sono circa il 30%-25% di domande respinte e c'è una gran parte di persone che hanno ricevuto una cifra inferiore alle aspettative". "Sono processi che vanno analizzati. E' ovvio che ci deve essere politica di contrasto alla povertà ma noi siamo convinti che il primo veicolo per includere le persone è il lavoro, e poi aiutare chi non può lavorare", dice.


Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rdc: Loy (Civ Inps), 'servono dati più chiari su percettori'

Today è in caricamento