Ricerca: Nano-tech, co-fondatore Giovannelli vince Erc starting grant 2020

finanziamento di ricerca europeo


Milano, 14 set. (Labitalia) - Nano-Tech, pmi innovativa con sede ad Ascoli Piceno che realizza, progetta e distribuisce materiali speciali ad alte prestazioni, rende noto che Donato Giovannelli, co-fondatore e scientific advisor della società, ha vinto l’Erc starting grant 2020, il finanziamento dello European research council per sostenere la ricerca scientifica più innovativa. Attivi dal 2007, gli Erc starting grant fanno parte dei prestigiosi programmi di finanziamento di ricerca che ogni anno premiano giovani ricercatori di tutto il mondo, che abbiano completato il dottorato da non più di 7 anni, con l'obiettivo di incoraggiare la ricerca di alta qualità in Europa attraverso bandi competitivi che riguardano tutte le discipline.


Quest’anno, l’Europa ha premiato Donato Giovannelli, giovane ricercatore in servizio presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, unico ad essersi aggiudicato il riconoscimento tra le università del Sud Italia. Il progetto CoEvolve, a cui sono stati assegnati 2,1 milioni di euro di finanziamenti, ha l’obiettivo di comprendere le interazioni tra la vita e il pianeta e utilizzerà una combinazione di tecniche molecolari di ultima generazione, modelli computazionali uniti a numerose spedizioni in zone remote per provare a capire come essi siano coevoluti.


I risultati di quest’attività potrebbero avere ricadute in numerosi ambiti delle scienze, dalla comprensione dell’evoluzione del pianeta, fino alla produzione di nuovi biomateriali o molecole bioattive. Donato Giovannelli, laurea triennale e specialistica in biologia presso la Politecnica delle Marche di Ancona e dottorato in biologia applicata, dopo gli studi si sposta all'estero dove trascorre numerosi anni tra gli Stati Uniti e il Giappone. Durante il periodo all'estero, lavora in alcuni dei maggiori centri di eccellenza mondiali, come l'Institute for advanced study di Princeton, la Rutgers university in New Jersey e l'Earth-life science institute di Tokyo, dove sviluppa un approccio interdisciplinare e innovativo alla ricerca.


Donato Giovannelli fa dell’innovazione una vera e propria ragione di vita. Non si cimenta solo in ambito accademico, ma anche in quello imprenditoriale co-fondando Nano-Tech, contribuendo alla sua crescita e portandola negli anni a diventare una piccola industria altamente innovativa. Nel 2018 il rientro in Italia, a Napoli, presso il dipartimento di Biologia dell’Università Federico II, dove insegna Microbiologia marina e applicata.


“Avere un background - ha commentato Donato Giovannelli, co-fondatore e scientific advisor di Nano-Tech - che attraversa sia l’accademia che il mondo dell’impresa é sempre stato un punto di forza, così come la vocazione fortemente interdisciplinare. Sono orgoglioso di aver contribuito allo sviluppo di un’azienda innovativa come Nano-Tech, che con i suoi materiali e la sua visione del futuro avrà un enorme impatto tecnologico sulle sfide del nostro tempo”.


Andrea Giovannelli, direttore generale e co-fondatore di Nano-Tech ha aggiunto: "Nano-Tech è nata da un gruppo di giovani come Donato e ha sempre cercato di promuovere lo sviluppo di idee e la crescita di talenti. La ricerca fa parte del dna aziendale, e siamo orgogliosi che uno dei nostri co-fondatori abbia ricevuto un premio così prestigioso. Questo riconoscimento rappresenta per Nano-Tech la dimostrazione che in Italia è possibile fare innovazione e immaginare il mondo in cui abiteremo nel futuro e, per Donato, un’opportunità unica per poter continuare a fare ricerca di alto livello".


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità

  • Ricerca: scoperto nell'ambra spermatozoo più vecchio del mondo

  • Pregliasco: "In arrivo 100mila casi simil-influenza, creeranno allarme Covid"

  • Covid, vaccino spray: in arrivo il test

  • Da small a smart, Guardia Sanframondi pioniera del south-working

Torna su
Today è in caricamento