Artico, "nuovo record di emissioni per gli incendi estivi"

Artico, "nuovo record di emissioni per gli incendi estivi"

Roma, 3 set. (Adnkronos) - Nuovo record di emissioni di CO2 dal Circolo Polare Artico a causa degli incendi estivi nella regione e picco di roghi nel sud-ovest degli Stati Uniti d’America durante il mese di agosto. E' quanto rilevano gli scienziati di Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams) presso il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (Ecmwf).


Secondo gli esperti del Cams, l’estate degli incendi che hanno colpito il Circolo Polare Artico ha causato un superamento del record di emissioni dello scorso anno con nuvole di fumo che hanno coperto una superficie equivalente a più di un terzo del Canada.


Utilizzando i dati forniti da Cams Global Fire Assimilation System (Gfas), gli scienziati hanno stimato che quest’anno le emissioni CO2 dal Circolo Polare Artico sono incrementate di più di un terzo in confronto al 2019. Dal 1 gennaio al 31 agosto 2020, le stime per le emissioni di CO2 nella regione erano di 244 magatonnelate, in confronto alle 181 magatonnellate dell’interno anno 2019.


L’incremento più significativo di incendi è stato osservato nella Repubblica di Sakha, decimando milioni di ettari di campi e creando un picco nelle emissioni di CO2 da 208 megatonnellate nel 2019 a 395 megatonnellate nel 2020.


Sebbene le cause rimangono incerte e difficili da individuare, si ritiene che alcuni degli incendi all’inizio della stagione siano stati causati dai cosiddetti 'incendi zombie' che potrebbero essere rimasti attivi sotto terra durante i mesi invernali.


Contemporaneamente, un’ampia regione del sud-ovest degli Stati Uniti d’America ha registrato problemi con incendi dovuti all’ondata di caldo, con grandi nubi di fumo in movimento verso est attraverso i Grandi Laghi verso l’Atlantico del Nord. La California in particolare ha registrato un gran numero di incendi, tra i quali il secondo e il terzo peggior incendio nella storia dello Stato.


Principalmente divampati tra California e Colorado, questi incendi particolarmente intensi e diffusi si pensa abbiano avuto origine dai fulmini.


"Gli incendi nell’Artico stanno bruciando da metà giugno e hanno già sorpassato per intensità e di conseguenza per emissioni di CO2 quelli del 2019 - rimarca Mark Parrington, Senior Scientist ed esperto di incendi a Cams - Grazie ai dati forniti dal nostro servizio parallelo presso Ecmwf, Copernicus Climate Change Service (C3S), sappiamo che le condizioni climatiche di caldo e secco sono state nuovamente prevalenti durante questa estate. Il nostro monitoraggio è fondamentale per comprendere l’impatto sull’atmosfera, in termini di inquinamento dell’aria, esercitato dalle dimensioni e dall’intensità di questi incendi. Questo permette anche la diffusione in tutto il mondo di informazioni utili per gli scienziati, i politici e per tutti gli enti rilevanti".


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ricerca: scoperto nell'ambra spermatozoo più vecchio del mondo

  • Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità

  • Covid, vaccino spray: in arrivo il test

  • Pregliasco: "In arrivo 100mila casi simil-influenza, creeranno allarme Covid"

  • Da small a smart, Guardia Sanframondi pioniera del south-working

Torna su
Today è in caricamento