rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Green

Dalla moda etica alla formazione, due storie di inclusione

Il racconto delle due esperienze di Progetto Quid e Valemour in occasione dell'evento L’Oréal For The Future Day


Roma, 30 nov. (Adnkronos) - Dalla moda etica alla formazione di giovani con disabilità. Progetto Quid e Valemour sono due delle iniziative raccontate nel corso di 'L'Oréal For The Future Day', evento di L'Oréal Italia dedicato alla sostenibilità ambientale e sociale.


Anna Fiscale, fondatrice e presidente di Progetto Quid, racconta: "Nasce dalla volontà di creare opportunità di inserimento lavorativo per persone fragili in particolare donne che provengono da situazioni di violenza, persone che escono da percorsi di dipendenza o carcerazione, richiedenti asilo o con invalidità che in Quid producono capi di abbigliamento e accessori a partire da tessuti di rimanenza o eccedenza delle grandi aziende. Un bell'esempio di inclusione sociale". Il progetto ha trovato "sinergie su valori comuni" con L'Oreal e "da 2-3 anni siamo a tutti gli effetti dei fornitori etici di merchandising - spiega Fiscale - siamo molto felici di questa collaborazione che ci permette di andare avanti con il nostro lavoro".


Valemour è un modello di formazione al lavoro per giovani con disabilità intellettiva. "E' un link tra mondo profit e no profit, nato dall'unione da due parole 'vale' e 'glamour' e nel tempo si è trasformato per diventare un generatore di impresa che nasce per favorire l'inserimento lavorativo di persone disabili intellettive", spiega Marco Ottocento, imprenditore sociale e fondatore di Valemour. Dal 2017, poi, il rapporto con L'Oreal "che ha messo a disposizione degli spazi nello stabilimento di Settimo Torinese per gestire una commessa che era allocata all'esterno".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla moda etica alla formazione, due storie di inclusione

Today è in caricamento