Un terzo degli studenti nel mondo tagliato fuori dalla didattica a distanza

I lockdown hanno lasciato senza scuola quasi 1,5 miliardi di alunni, 463 milioni tagliati fuori dalle lezioni da remoto

Un terzo degli studenti nel mondo tagliato fuori dalla didattica a distanza

Roma, 27 ago. - (Adnkronos/dpa) - L'emergenza sanitaria da Coronavirus che ha portato alla chiusura delle scuole, che ha interessato quasi 1,5 miliardi di bambini nel mondo durante i lockdown, ha acceso i riflettori anche su un dato preoccupante: secondo l'Unicef, infatti, a livello globale un terzo degli studenti non può usufruire della didattica a distanza perché non ha accesso a internet, non possiede un pc o non è in grado di utilizzare gli strumenti necessari.


Nell'Africa subsahariana quasi la metà degli studenti non è raggiunta dalle lezioni online; non va meglio nell'Europa orientale e in alcuni parti dell'Asia dove ad essere esclusi dalla scuola da remoto sono più di un terzo dei ragazzi e delle ragazze, mentre - secondo l'Unicef - gli alunni più giovani, quelli più poveri o che vivono nelle aree rurali, rischiano di esere completamente esclusi dall'apprendimento digitale.


"Per almeno 463 milioni di bambini le cui scuole hanno chiuso a causa del Covid-19, non esiste l'apprendimento a distanza - denuncia la direttrice dell'Unicef Henrietta Fore - L'enorme numero di bambini la cui istruzione è stata completamente interrotta, per mesi, rappresenta un'emergenza educativa globale. Le ripercussioni potrebbero essere avvertite nelle economie e nelle società per i decenni a venire".



In Evidenza

I più letti della settimana

  • VivoGreen, primo negozio senza casse in Italia, Nexi partner del progetto

  • Ricerca: scoperto nell'ambra spermatozoo più vecchio del mondo

  • Superbonus 110%, come sfruttare al massimo i vantaggi

Torna su
Today è in caricamento