Domenica, 20 Giugno 2021
Salute

Coronavirus, Consulcesi: 'In campo anche noi per reclutare medici'

Tortorella, 'sosteniamo l’iniziativa del Governo ma si rispettino specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina'

Coronavirus, Consulcesi: 'In campo anche noi per reclutare medici'

Roma, 23 nov. (Adnkronos Salute) - "Una task force per reclutare 200 medici, tra i quali anche quelli in pensione, a supporto degli ospedali colpiti dall'emergenza Covid mentre oltre 50mila ragazzi restano fuori dalle università per il numero chiuso e non vengono aumentate le borse di specializzazione. Siamo stati bravi a gestire l'emergenza, ma dobbiamo passare dalla cultura dell'emergenza alla cultura della programmazione nel medio e lungo periodo. L'Italia non ha davvero imparato nulla dagli errori di programmazione degli anni scorsi? Vogliamo davvero combattere così la pandemia?". Se lo chiede il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella commentando lo spot del ministero della Salute che punta a reclutare medici.


"In queste ore stiamo sensibilizzando i medici che rappresentiamo con comunicazioni mirate affinché il bando raggiunga il suo obiettivo sfruttando la forza del nostro big data, il più ampio, completo e profilato in Italia", prosegue Tortorella confermando il supporto all'iniziativa del ministero. Nello spot si lancia un appello a candidarsi per dare supporto agli ospedali più colpiti. Nel bando della Protezione civile si specifica che si cercano in particolare specialisti in anestesia e rianimazione, malattie infettive, malattie dell'apparato respiratorio e medicina e chirurgia d'accettazione e urgenza. Alla manifestazione di interesse - si specifica ancora nel bando - non possono partecipare i dipendenti pubblici e privati operanti nel settore sanitario e socio-sanitario in ambito nazionale, al fine di non pregiudicare i livelli di servizio attuali.


"Quindi - riprende Tortorella - lo Stato richiama alle armi sostanzialmente i medici in pensione per affrontare turni infiniti in condizioni estreme negli ospedali in situazione di maggiore criticità. Guarda caso sono poi la stragrande maggioranza di quei professionisti a cui, a cavallo tra gli anni '80 e '90, ha negato le borse di specialità violando le direttive europee e con cui continua a perdere le cause nei tribunali di tutta Italia. Prima hanno subito una ingiustizia colossale ed ora vengono esposti ad un rischio incalcolabile - conclude il presidente - a fronte di che cosa? Di un modesto rimborso, vitto e alloggio? La strada maestra da seguire è un'altra e il Parlamento si è già mosso con la sanatoria che porterà nuova linfa al Ssn e con l'approvazione dell'accordo transattivo con gli ex specializzandi".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Consulcesi: 'In campo anche noi per reclutare medici'

Today è in caricamento