Farmaci: Grillo, 'chiederemo risarcimento danni Ssn da caso Avastin-Lucentis'

'Stiamo quantificando esattamente importo, anche Regioni si attivino'

Farmaci: Grillo, 'chiederemo risarcimento danni Ssn da caso Avastin-Lucentis'

Roma, 18 lug. (AdnKronos Salute) - La sentenza del Consiglio di Stato "ha messo la parola fine sul caso Avastin-Lucentis, respingendo definitivamente i ricorsi delle aziende e confermando sanzioni per circa 180 milioni alle case farmaceutiche coinvolte. Ho chiesto che siano effettuati tutti gli aggiornamenti per la quantificazione definitiva del danno economico subito e per avviare le procedure per il risarcimento. E' opportuno che anche le Regioni si attivino subito". Lo afferma il ministro della Salute, Giulia Grillo, in un videomessaggio su Facebook, annunciando le azioni che il ministero metterà in campo.


Le prime stime, circolate in questi giorni sulla stampa, parlavano di 1,2 miliardi danni per il Ssn, frutto della maggiore spesa sostenuta negli 2012-13-14 per l'utilizzo del farmaco più costoso, Lucentis*.


Dopo aver ripercorso le tappe della vicenda, durata circa una decina d'anni, il ministro ci tiene a fare una "precisazione sulla sicurezza dell'utilizzo di questi farmaci in ambito oftalmico: nel 2014 l'allora Consiglio superiore di sanità all'unanimità ritenne che i dati allora valutabili dalla comunità scientifica evidenziavano che i due medicinali non presentano differenze statisticamente significative dal punto di vista dell'efficacia e della sicurezza nel trattamento della degenerazione maculare senile, raccomandando già allora all'Aifa di consentire il più presto possibile l'utilizzo del farmaco meno costoso".


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Sanità: denuncia oculisti, 'con pseudo-visite dall'ottico rischi per bimbi'

  • Medicina: Justin Bieber rivela, 'ho la malattia di Lyme'

  • "Roma in piena emergenza igienica"

  • Salute: 5 abitudini sane regalano 10 anni in più senza malattie

  • Club Esse lancia campagna di recruiting per coprire 550 posti di lavoro

Torna su
Today è in caricamento