rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Salute

Fnomceo-Fism, semplificare prescrizione per farmaci con piano terapeutico

Position paper di Ordini medici e società scientifiche, 'dopo un anno renderli prescrivibili da tutti i medici del Ssn'


Milano, 13 apr. (Adnkronos Salute) - Semplificare le procedure prescrittive per i farmaci attualmente sottoposti a registro di monitoraggio e a piano terapeutico. Lo chiedono al ministero della Salute la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) e la Federazione italiana delle società medico-scientifiche (Fism), che oggi a Roma hanno siglato un documento di posizione condivisa. La proposta indirizzata al ministro Orazio Schillaci è "che i farmaci sottoposti a piano terapeutico, dopo un anno di monitoraggio dalla prima prescrizione dello specialista per l'avvio del trattamento, possano essere prescritti, senza ulteriori impegni amministrativi, da tutti i professionisti medici operanti nell'ambito del Servizio sanitario nazionale".


"Questo intervento è finalizzato a garantire una maggiore accessibilità alle cure da parte dei pazienti, ridurre i costi indiretti delle prestazioni sanitarie, facilitare e semplificare i percorsi di presa in carico, contribuire alla riduzione delle liste d'attesa e valorizzare la professionalità di tutti i medici italiani", si legge nel position paper. Per Fnomceo e Fism, "tale provvedimento consentirebbe di compiere un significativo passo in avanti verso l'universalità e l'uguaglianza delle cure garantite dal Ssn. Nei fatti, l'accesso semplificato a terapie appropriate e necessarie avrebbe un rilevante impatto sulla qualità della vita dei pazienti. Spesso i cittadini sono costretti a sostenere costi non trascurabili e lunghi spostamenti per raggiungere le strutture specialistiche abilitate, questo al solo fine di rinnovare i piani terapeutici. Di frequente si è costretti, a fronte di tali difficoltà, a ripiegare su farmaci meno efficaci, oppure, addirittura, a interrompere le terapie".


"Attraverso un simile intervento di razionalizzazione delle prescrizioni - continuano medici e società scientifiche - verrebbe poi chiaramente valorizzata la professionalità di tutti i medici, indipendentemente dal loro ruolo nel contesto del Ssn, e si realizzerebbe una fattiva collaborazione tra i medici di medicina generale e gli specialisti del Ssn. Questo particolare aspetto contribuirebbe a una più rapida riduzione delle liste d'attesa per le visite mediche e le prestazioni sanitarie. D'altronde, la possibilità per i medici di medicina generale di prescrivere questi farmaci che prevedono il piano terapeutico è già prevista per alcune categorie farmacologiche. Non si comprendono pertanto le ragioni per le quali la medesima procedura non possa essere applicata ad altri farmaci, ormai in uso da diversi anni. Si ricordi, inoltre, che nel corso della pandemia da Covid-19 il rinnovo automatico dei piani terapeutici, previsto fino al termine dello stato di emergenza, ha dimostrato come i medici di medicina generale possano prescrivere i farmaci in modo efficace, rinviando in maniera appropriata agli specialisti soltanto i casi che necessiterebbero di tali prestazioni".


"La proposta avanzata da queste Federazioni - si precisa nel documento - non intende interferire in alcun modo con le condizioni di rimborsabilità dei farmaci da parte del Ssn, stabilite dall'Aifa", Agenzia italiana del farmaco. "Non si realizzerebbero quindi oneri aggiuntivi a carico del Ssn e rimarrebbe inalterata l'appropriatezza delle prescrizioni, mentre migliorerebbe significativamente la sostenibilità complessiva del sistema".


"I piani terapeutici sono strumenti importanti - affermano i presidenti della Fnomceo, Filippo Anelli, e della Fism, Loreto Gesualdo - che garantiscono l'appropriatezza prescrittiva; ma spesso diventano inutili orpelli di carattere burocratico, che non consentono ai medici di svolgere correttamente la loro attività, in quanto sottraggono tempo per la loro ripetizione. Allora la Fnomceo e la Fism, che rappresenta circa 200 società scientifiche mediche, lanciano un appello al ministro della Salute, Orazio Schillaci: modifichiamo la normativa sui piani terapeutici, facciamo sì che durino un anno, e poi si applichino le note Aifa che rendono erogabili questi farmaci a carico dello Stato secondo i principi di appropriatezza. Diamo la possibilità a tutti i medici di poterli prescrivere, garantendo un percorso di cura più semplice al paziente e una riduzione delle liste d'attesa".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fnomceo-Fism, semplificare prescrizione per farmaci con piano terapeutico

Today è in caricamento