rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Salute

Fnomceo, 'assicurare per legge ricerca migranti, soccorso e assistenza'

Anelli (Fnomceo), 'bisogna indignarsi di fronte a queste tragedie, assuefazione vera sconfitta'


Milano, 27 feb. (Adnkronos Salute) - "Chiediamo al Governo italiano, all'Europa, alle Nazioni Unite di fare di più e di fare meglio, istituendo percorsi sicuri e legali per migranti e rifugiati e programmando e assicurando, per legge, ricerca, soccorso e assistenza medica". E' l'appello di Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), che con una nota interviene sul naufragio del caicco carico di migranti avvenuto ieri sulla spiaggia di Steccato di Cutro, nel Crotonese.


"Come medici, che hanno giurato di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica, il trattamento del dolore e il sollievo dalla sofferenza nel rispetto della dignità e libertà della persona - dichiara Anelli - non possiamo rimanere indifferenti di fronte alla strage di esseri umani che si è consumata ieri lungo le coste calabre. Come esponenti di un ente sussidiario dello Stato, che agisce in nome e per conto dello Stato stesso quando si parla di tutela della Salute, non possiamo rimanere in silenzio. Bisogna indignarsi di fronte a simili tragedie: la vera sconfitta sta nell'assuefazione e nella 'durezza di cuore' - ammonisce - nel far diventare abitudine quello che dovrebbe essere eccezionale e intollerabile".


"Per questo - continua il numero uno dei medici italiani - condividiamo il monito del vicepresidente della Cei, Monsignor Franceso Savino: è l'ora di politiche 'alte e altre', nazionali e sovranazionali. E' l'ora di invitare tutti coloro che hanno responsabilità politiche a rivedere certe decisioni rispetto ai fenomeni migratori. Sono in gioco, come ricorda Savino, la civiltà, la democrazia reale, la democrazia matura. Sono in gioco, aggiungiamo noi, la tutela della salute, il rispetto dei principi di umanità e di dignità che spettano di diritto a ogni individuo. E' in gioco la realizzazione di quella democrazia del bene che è il fine ultimo, sanitario, sociale e civile della professione medica".


"Questa mattina, pregando davanti alle bare - spiega Anelli - Savino ha affermato: io incontro oggi come credente Gesù crocifisso, Gesù abbandonato, Gesù negato, Gesù profugo non accolto che muore in mare. Oggi Dio muore con questi nostri fratelli".


"Noi, come medici - conclude il presidente Fnomceo - sentiamo come nostra la sofferenza di questi fragili, di questi ultimi, di queste persone; sentiamo come un nostro fallimento, come un fallimento dei principi scritti nel nostro Codice deontologico, nella nostra Costituzione, nella Dichiarazione universale dei diritti umani, il non averli saputi proteggere".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fnomceo, 'assicurare per legge ricerca migranti, soccorso e assistenza'

Today è in caricamento