Mantovani (Humanitas), 'nessuna evidenza che virus sia più gentile'

Mantovani (Humanitas), 'nessuna evidenza che virus sia più gentile'

Roma, 12 ago. (Adnkronos Salute) - "Non c'è nessuna evidenza che il coronavirus stia diventando più gentile". Lo ha spiegato Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas, in un colloquio a 360 gradi sul coronavirus durante 'Il caffé del mercoledì della Fondazione Einaudi', che si è svolto sui social della Fondazione. "Quando dico non c'è nessuna evidenza - precisa - dico che non c'è nessuna evidenza che sia stata messa a disposizione della comunità scientifica, attraverso le riviste scientifiche o in 'open access' come facciamo adesso per accelerare la condivisione dei dati".


Per Mantovani spesso, "si fa confusione tra due cose diverse. Una cosa è un virus che abbia avuto delle mutazioni e diventa più gentile nei nostri confronti. Tutti lo vorremmo, ma non è successo. Altra cosa è la malattia. Come Humanitas abbiamo trattato 2.300 pazienti, abbiamo avuto 115 unità di cure intensive piene, abbiamo usato 600 letti. Ora, l'ultima volta che ho controllato nel mio ospedale c'era un paziente in unità di cura intensiva, due malati e tre sospetti. La malattia si è attenuata, per diversi motivi. Il primo è che si ammalano i più giovani, il secondo è che, come infezione respiratoria, d'estate migliora".


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità

  • Ricerca: scoperto nell'ambra spermatozoo più vecchio del mondo

  • Pregliasco: "In arrivo 100mila casi simil-influenza, creeranno allarme Covid"

  • 50 cose da fare prima degli 11 anni

  • Coronavirus: primo volo Covid-free, passeggeri testati a Fiumicino prima dell’imbarco

Torna su
Today è in caricamento