Nuovo primario e 5 mln di investimenti per la Radiologia del Meyer

All'ospedale pediatrico di Firenze arriva il dottor Ludovico D'Incerti


Firenze, 21 lug. - (Adnkronos) - Il dottor Ludovico D'Incerti è il nuovo primario della Radiologia dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Classe 1959, ha una lunga carriera alle spalle e arriva al Meyer dall’Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, eccellenza nazionale ed internazionale nella ricerca e assistenza nel campo della Neuroradiologia, unità operativa in cui lo specialista è stato a lungo dirigente medico con qualifica di eccellenza professionale.


5 milioni di investimenti. La nomina da parte del direttore generale del dottor D’Incerti si inserisce in un quadro di potenziamento tecnologico della Radiologia del Meyer: per il periodo 2020/2022 è previsto infatti un forte piano di investimenti di 5 milioni di euro per l’acquisizione e l’aggiornamento dei macchinari dedicati all’imaging. Nel secondo semestre 2020 arriverà una tac multistrato ad alta velocità, che permetterà di eseguire studi pediatrici evitando quasi completamente le sedazioni.


Con la nascita del Parco della Salute, la maxi area che il Meyer dedicherà alle attività diurne, nel 2022 si aggiungerà anche una Risonanza Magnetica a 3 Tesla allo stato dell’arte, in grado di applicare le tecniche di imaging avanzato allo studio del sistema nervoso. Oltre a queste nuove acquisizioni, verranno aggiornate e potenziate le risonanze magnetiche già in uso in ospedale per garantire il meglio delle prestazioni diagnostiche, e saranno acquistate nuove apparecchiature per l’anestesia e per il monitoraggio dei parametri vitali, oltre a piccole apparecchiature di supporto.


Il curriculum del nuovo primario. Il dottor D’Incerti, che è anche docente di Neuroradiologia nella scuola di specializzazione in Radiodiagnostica dell’Università di Milano, ha al suo attivo 85 pubblicazioni, con un H-Index di 28 e oltre 2200 citazioni. Ha concentrato i suoi studi sulla diagnostica neuroradiologica delle patologie del sistema nervoso centrale: in particolare epilessia, neuroncologia e patologie dismetaboliche del bambino e dell’adulto, con alte competenze tecniche relative ad apparecchi come la tac multislice e le risonanze magnetiche ad alto campo (1.5 e 3 Tesla).


Solo negli ultimi 10 anni ha condotto quasi 7mila esami di tac, angio tac di encefalo e colonna, oltre 13.500 risonanze magnetiche, 30 trattamenti con ultrasuoni focalizzati guidati da risonanza magnetica e quasi 200 angiografie digitali. Il dottor D’Incerti prenderà servizio al Meyer dopo l’estate: qui, grazie alla sua esperienza e alle capacità gestionali potrà dare un valido contributo a tutti gli ambiti della diagnostica per immagini.


Una struttura fondamentale. La Diagnostica per immagini è infatti, per il Meyer, un’unità fondamentale, che, grazie ad avanzate tecniche di imaging, svolge un’attività integrata con i Centri di Eccellenza di Neuroscienze, di Neurochirurgia e di Oncologia Pediatrica, oltre ad essere un supporto essenziale per la Pediatria, la Chirurgia Neonatale e Pediatrica, l’Urologia Pediatrica, l’Ortopedia, la Traumatologia, la Cardiologia e il Pronto Soccorso.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus, "dove vaccino Bcg obbligatorio meno casi e morti": lo studio

  • Rivoluzione idrogeno. La piccola molecola che può salvare il mondo

  • Decommissioning centrale Latina nel segno dell'economia circolare

  • Stop a pesce fresco, scatta fermo pesca

  • Specie aliene invasive in crescita, +95% in Italia in 30 anni

  • Covid, ecco quali sono i principali fattori di rischio mortalità

Torna su
Today è in caricamento