Mercoledì, 3 Marzo 2021

Ricerca: da ossa verità su Sant'Ambrogio, sguardo asimmetrico e vita attiva

Circa 60 anni, alto 1,70, alla clavicola destra i segni di una brutta frattura che gli procurava dolore

Ricerca: da ossa verità su Sant'Ambrogio, sguardo asimmetrico e vita attiva

Milano, 2 ott. (AdnKronos Salute) - Un uomo molto attivo, età circa 60 anni, alto più o meno 1 metro e 70 centimetri. Sguardo asimmetrico e alla clavicola destra i segni di una brutta frattura, che si ritiene si fosse procurato in età giovanile e che lo affliggesse procurandogli dolore. La verità su Sant'Ambrogio, patrono di Milano, la raccontano le sue ossa, diventate protagoniste insieme ai resti dei 'colleghi' Gervaso e Protaso, di un'indagine in pieno stile 'Csi' che ha chiamato a raccolta una task force di scienziati, trasformando per qualche mese la Cripta della Basilica ambrosiana in laboratorio. Tutto nasce da una preoccupazione per alcuni segni che potevano lasciare pensare a un deterioramento dei resti del Santo più caro alla metropoli meneghina e dei due giovani martiri con lui custoditi.


Si è così deciso di avviare una ricognizione sui corpi e poi di allargare il raggio d'azione con una campagna di studi multidisciplinare, promossa dall'abbazia di Sant'Ambrogio per i 150 anni dal rinvenimento dei 3 scheletri (gennaio 1864) e a 50 anni dall'ultima apertura della teca, in occasione della traslazione di Sant'Ambrogio in Duomo (1974). Un 'cold case' su cui si è pensato di coinvolgere Cristina Cattaneo, anatomopatologa nota per essere stata in prima linea nelle indagini su diversi gialli italiani (come i casi di Yara Gambirasio ed Elisa Claps).


L'esperta, ordinario di Medicina legale dell'università Statale di Milano, ha coordinato il gruppo di ricerca che oltre a scienziati dell'ateneo ha coinvolto l'Unità operativa di radiologia diagnostica per immagini e interventistica dell'Irccs Istituto ortopedico Galeazzi, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Milano. I risultati preliminari dello studio in corso sono stati presentati oggi nella Sala Capitolare della Basilica Sant'Ambrogio e la notizia principale è che le ossa dei tre Santi maggiori della Diocesi di Milano "stanno bene". Non presentano segni di degradazione attiva, dato suffragato dalle indagini microbiologiche. (segue)


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricerca: da ossa verità su Sant'Ambrogio, sguardo asimmetrico e vita attiva

Today è in caricamento