Sanità: Coas Medici, c'è emergenza specialisti, si importeranno stranieri

Un quinto della forza lavoro 'medica' non potrà essere sostituita con le risorse umane disponibili

Sanità: Coas Medici, c'è emergenza specialisti, si importeranno stranieri

Roma, 21 mar. (AdnKronos Salute) - "La carenza di medici specialisti disponibili per gli ospedali è una vera emergenza nazionale cui si potrà far fronte probabilmente solo con l'importazione di medici da altri Paesi o creando i presupposti per il rientro in Italia di tanti specialisti in medicina e chirurgia che negli anni scorsi sono stati costretti ad emigrare". Lo afferma in una nota Alessandro Garau, segretario nazionale del sindacato Coas Medici dirigenti, commentando le ultime dichiarazioni provenienti dal ministero della Salute sull'allentamento dei vincoli di spesa per il personale.


"Togliere il limite alla spesa del personale potrebbe essere del tutto inutile in quanto, nella migliore delle ipotesi - aggiunge Garau - da qui al 2025 non ci saranno risorse umane sufficienti a sostituire i medici specializzati nell'ospedalità pubblica, un quinto della forza lavoro 'medica' non potrà essere sostituita con le risorse umane disponibili".


"Altra modalità di intervento - continua Garau - sarebbe quella di trattenere i medici in servizio attraverso la 'premialità', attualmente distrutta dall'erosione dei 'fondi' ad essa deputati. La mancanza di premialità e di attribuzioni di incarichi e risorse ha portato a un disagio palpabile e diffuso tra la classe medica ospedaliera, determinando precoci richieste di pensionamento e molteplici dimissioni volontarie per il passaggio ad altre forme di lavoro. La fuga dei medici della sanità pubblica è la diretta conseguenza del disagio dovuto all'assenza di dinamica salariale, turni massacranti, ordini di servizio incomprensibili e contradditori, normative inapplicate se favorevoli, applicate con puntualità se sfavorevoli".


"Anche le dichiarazioni del ministro Giulia Grillo - aggiunge Garau - sul possibile blocco dalla libera professione intramoenia per punizione contro le liste d'attesa, non fanno altro che scaldare gli animi, spingendo verso una vera e propria fuga dagli ospedali. Razionalizzare i servizi ed evitare che improvvisati manager di nomina politica possano agire indisturbati sull'organizzazione del sistema, può contribuire al salvataggio del Ssn, non certo le accuse rivolte ai medici dal ministro dalla Salute che dovrebbe forse essere il primo a capire il loro disagio e a correggere le storture ereditate da almeno 10 anni di cattiva gestione"


Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Dieci anni di cattiva gestione sono pochi... I test di accesso spesso sono un limite insormontabile, a meno che non ti fai preparare a spese tue e al nero da qualche prof che ha amicizie garantite all'università! W l'Italia

  • .... I medici ci sono, come dimostra la fiorente attività delle strutture private e convenzionate, quello che serve è regolamentare le cose, non importare basse professionalità da altri paesi...

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Reddito, arrivano i primi pagamenti

  • Salute

    Morbillo: paradosso dati Oms, mai così tanti vaccinati e casi in Ue nel 2018

  • Salute

    Il gatto? E' lo specchio del padrone

  • Salute

    Tumori: 10% cancro polmonare attribuibile a gas radon, 3.200 casi ogni anno

I più letti della settimana

  • Reddito, arrivano i primi pagamenti

  • Altro che riciclo. Ecco dove finiscono i nostri rifiuti di plastica

  • Studio, farmaci anti-colesterolo non funzionano bene in 1 caso su 2

  • Ricerca: cervello 'riattivato' 4 ore dopo la morte, studio su maiali

  • Sclerosi multipla, arriva nuovo farmaco

Torna su
Today è in caricamento