rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Salute

Sanità: ricercatori precari anche per 39 anni, indagine Fp Cgil

Per l'80% donne, età media 43 anni con punte sopra ai 65 - Il sindacato, 'non escludiamo ulteriori azioni'


Roma, 6 feb. (Adnkronos Salute) - "Il lavoro di ricerca sanitaria pubblica in Italia si fonda sul precariato, prevalentemente femminile. Ed è un precariato che si protrae in media per oltre 13 anni, ma che può arrivare in alcuni casi anche a 39 anni". E' quanto emerge da una ricerca condotta dalla Funzione pubblica Cgil tra il personale precario della ricerca degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) e degli Istituti zooprofilattici sperimentali (Izs) pubblici, finalizzata a "evidenziare concretamente lo stato della ricerca sanitaria pubblica, con 1.300 lavoratrici e lavoratori coinvolti, a fronte di una potenziale platea di circa 1.600. L'iniziativa si inserisce nel solco della mobilitazione da tempo in atto dietro le parole 'Ricerchiamo stabilmente' per dare una prospettiva concreta di stabilità", ricorda il sindacato che non esclude "eventuali ulteriori azioni per il riconoscimento delle attività svolte".


Da una prima analisi dei dati dell'indagine risulta dunque che "il lavoro in ricerca sanitaria pubblica si fonda prevalentemente sul precariato - riferisce la Fp Cgil - Si tratta di un precariato prevalentemente al femminile, essendo formato all'80% da donne. La durata media del precariato del personale storico è di 13,3 anni, con un range da 6 a 39 anni. Si arriva quindi fino a 36 anni con contratti atipici senza alcuna tutela, e solo gli ultimi 3 a tempo determinato, dopo l'istituzione della 'piramide'. L'età media è di 42,86 anni, con punte fino a oltre 65 anni".


Sono "dati preoccupanti - commenta il sindacato - da cui emerge chiara la condizione di precarizzazione sistematica adottata per decenni nei confronti di questa particolare categoria di lavoratori della sanità pubblica. La salute è un diritto fondamentale dell'individuo e la stabilità del lavoro del personale della ricerca sanitaria pubblica è a garanzia di questo diritto. Riteniamo che non possa essere precario il lavoro di chi tutela un diritto fondamentale".


"Non è più accettabile - ammonisce la Fp Cgil - prorogare questa situazione di precariato, che da anni continua a violare le norme in materia di reiterazione di contratti a termine. Condizione inaccettabile in un Paese civile. Non escludiamo di intraprendere anche eventuali ulteriori azioni per il riconoscimento delle attività svolte negli anni di precariato con contratti atipici i quali, vista la durata, la qualità delle prestazioni e l'impegno richiesto, nulla hanno a che fare con l'atipicità, ma con veri e propri rapporti di lavoro subordinato. Per questo ancora una volta e con forza ribadiamo: ricercare stabilmente subito".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: ricercatori precari anche per 39 anni, indagine Fp Cgil

Today è in caricamento