rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Salute

Sanità Sis118 a Speranza, 'ministro prenda a cuore sistema emergenza'

Balzanelli, 'accorato appello per operatori da inizio pandemia in prima linea pagando prezzo vita'


Milano, 17 gen. (Adnkronos Salute) - "Ministro, prenda a cuore il 118! Sia vicino anche a noi". Mario Balzanelli, presidente nazionale Sis118, ha lanciato un "accorato appello" incontrando oggi il titolare della Salute, Roberto Speranza, che lo ha ricevuto a Roma nella sede del dicastero. "Il Sistema di emergenza territoriale 118 - afferma - si affida al ministro quale risorsa fondamentale dello Stato, prezioso scudo protettivo a tutela tempo-dipendente della vita di ciascuno di noi, macrostruttura che sin dall'inizio della pandemia nel nostro Paese ha messo in protezione e in sicurezza tutta la cittadinanza nazionale, a drammatico prezzo della vita di numerosi suoi operatori".


"Il 118 nazionale merita pertanto di essere preso, con carattere prioritario, in seria e alta considerazione - esorta Balzanelli - sia da parte del Governo sia dal legislatore, e non al contrario, come da trent'anni ad oggi inesorabilmente accade, di essere dimenticato, o comunque in sostanza completamente ignorato e di certo confinato in modo permanente all'ultimo posto. Nessuna riforma legislativa di sistema potrà essere credibile - avverte il numero uno della Società italiana Sistema 118 - se non parte dalla valorizzazione delle migliaia di medici, infermieri e autisti-soccorritori che incessantemente, h24, 365 giorni all'anno, su tutto il territorio nazionale, danno tutto, nella massima intensità, in qualsiasi condizione operativa, con l'unico obiettivo - nella mente, nel cuore, ma anche nei muscoli (perché salire di corsa a piedi sulle scale o scendere le scarpate o infilarsi per recuperare vittime sotto le macchine ribaltate sollecita di continuo anche i muscoli) - di salvare vite, di adulti e bambini, di qualunque fascia d'età".


Balzanelli caldeggia "il varo più urgente di una riforma legislativa che potenzi in concreto il Sistema 118 nazionale riconoscendone tutta l'alta complessità gestionale con l'inquadramento legislativo a livello dipartimentale, provinciale e regionale - si legge in una nota - la presenza di un medico e di un infermiere ogni 60.000 abitanti; la garanzia nei vari territori di un numero di mezzi in grado di assicurare il raggiungimento dei vari scenari critici nel rispetto delle tempistiche previste dal legislatore per area urbana ed extraurbana; una dotazione tecnologica alle Centrali operative che consenta alle stesse di essere connessa con i vari interventi, rendendo possibile le modalità più avanzate di telemedicina, telediagnosi, telemonitoraggio del paziente acuto e critico; l'attribuzione a tutti gli operatori del 118 delle stesse incentivazioni economiche già stabilite dal Governo per gli operatori del pronto soccorso".


Ancora: "La possibilità di passaggio alla dipendenza, su base facoltativa, da parte dei medici convenzionati; il riconoscimento del profilo professionale dell'autista-soccorritore; l'accesso diretto al 118 della popolazione nazionale in caso di emergenza sanitaria, o comunque mediante preselezione diretta attivata chiamando il 112 per evitare perdite di tempo sugli interventi effettuati in soccorso ai codici rossi potenzialmente catastrofiche". Tutti interventi che "rappresentano pilastri affidabili e credibili dalla Sis118 - conclude il presidente - ampiamenti motivati e documentati in ambito tecnico e gestionale, di un rinnovamento del Sistema non più rinviabile a misura delle crescenti, peraltro con ritmo quasi esponenziale, necessità del servizio".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità Sis118 a Speranza, 'ministro prenda a cuore sistema emergenza'

Today è in caricamento