Sanità: Verona, trovato in un rubinetto batterio killer reparto neonatale

Sanità: Verona, trovato in un rubinetto batterio killer reparto neonatale

Verona, 1 set. (Adnkronos Salute) - E' stato trovato in un rubinetto dell'acqua utilizzata dal personale della Terapia intensiva neonatale dell'ospedale della donna e del bambino di Borgo Trento a Verona il citrobacter, batterio che sarebbe stato la causa della morte di 4 bambini tra la fine del 2018 e quest'anno, e che aveva portato alla completa chiusura della struttura ospedaliera lo scorso giugno. E' questa la conclusione della relazione della Commissione nominata dalla Regione Veneto. Un'altra relazione verrà consegnata alla Procura della Repubblica per l'apertura di un'inchiesta. 


Secondo le conclusioni della Commissione, il citrobacter avrebbe colonizzato il rubinetto probabilmente a causa di un mancato o parziale rispetto delle misure d'igiene. I primi controlli da parte dei vertici dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Verona erano stati avviati lo scorso gennaio, poi erano stati interrotti a causa dell'emergenza coronavirus. Il reparto di Ostetricia - Punto nascite, Terapia intensiva neonatale e Terapia intensiva pediatrica, dopo la completa sanificazione, è stato riaperto oggi.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità

  • Ricerca: scoperto nell'ambra spermatozoo più vecchio del mondo

  • Pregliasco: "In arrivo 100mila casi simil-influenza, creeranno allarme Covid"

  • Covid, vaccino spray: in arrivo il test

  • Da small a smart, Guardia Sanframondi pioniera del south-working

Torna su
Today è in caricamento