rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Salute

Sebastiani (Sir), 'pazienti reumatici in attesa diagnosi fino a 7 anni'

'Pochi reumatologi nelle strutture pubbliche e tempi lunghi peggiorano i sintomi e causano danni irreversibili'


Roma, 20 apr. (Adnkronos Salute) - "La 'famiglia' delle malattie reumatologiche è molto ampia, nella loro classificazione recentemente elaborata dalla Società italiana di reumatologia ne contiamo più di 200 tra le quali artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondilite anchilosante, lupus eritematoso sistemico, sclerosi sistemica, artrosi, osteoporosi e fibromialgia. Per queste patologie a preoccupare sono le diagnosi tardive che colpiscono addirittura un milione di italiani". Così Gian Domenico Sebastiani, presidente della Società italiana di reumatologia (Sir), nel suo intervento durante una conferenza sulla diagnosi precoce e l'aderenza alle terapie per le malattie reumatologiche, promossa dalla Sir oggi a Roma.


"I pazienti - afferma Sebastiani che anche direttore della Uoc di Reumatologia del San Camillo-Forlanini di Roma - aspettano anche 7 anni per scoprire di soffrire di artrite psoriasica o fibromialgia, 5 per la spondilite anchilosante, 3 per la sclerosi sistemica e 2 per l'artrite reumatoide. Sono tempi troppo lunghi, che causano un peggioramento dei sintomi e rendono più difficile il recupero e la cura". Il ritardo diagnostico "ha un impatto notevole - spiega il presidente Sir all'Adnkronos Salute - per la singola persona e per la collettività. Intervenire con tempestività significa avviare una terapia adeguata, con farmaci specifici che hanno condotto a un notevole risparmio della spesa sociale, ma anche sui singoli in termini di farmaci erogati, ricoveri ospedalieri, giornate lavorative perse e prevenzione dell'invalidità".


Alla base dei ritardi nella diagnosi c'è per Sebastiani "una grave carenza di professionisti reumatologi a livello delle strutture pubbliche territoriali, quindi dei presidi ambulatoriali e delle Asl dove dovrebbero essere indirizzate le persone con sintomatologie di tipo reumatologico. Nonostante siano disponibili molti reumatologi che escono perfettamente formati dalle Scuole di reumatologia - precisa l'esperto - non trovano collocazione nel Servizio sanitario nazionale perché mancano le posizioni".


La mancata diagnosi, sottolinea Sebastiani, provoca "un accumulo di danno al paziente perché la malattia progredisce. Faccio un esempio: un'artrite non curata danneggia le articolazioni, ma anche altri organi quali polmone, cuore, occhio e cute".


"Parliamo di danni irreversibili - puntualizza il presidente della Sir - che sarebbero evitabili qualora la diagnosi fosse svolta nei tempi dovuti, perché abbiamo a disposizione dei farmaci molto efficaci con un ottimo profilo efficacia-sicurezza, che cambiamo notevolmente la qualità di vita del paziente e conducono anche a un notevole risparmio sociale perché non fanno arrivare i pazienti all'invalidità".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sebastiani (Sir), 'pazienti reumatici in attesa diagnosi fino a 7 anni'

Today è in caricamento